Giudiziaria Ispica 22/11/2014 22:12 Notizia letta: 4556 volte

La Finanza al Comune di Ispica

Il dissesto e l’erosione
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-11-2014/la-finanza-al-comune-di-ispica-500.jpg

Ispica - Le Fiamme Gialle del Nucleo di polizia tributaria del Comando provinciale di Ragusa hanno visitato in questi giorni il Comune di Ispica. Sotto la lente di ingrandimento degli investigatori c’è la spesa pubblica. I finanzieri hanno portato via parecchia documentazione tra incartamenti e atti di natura finanziaria e contabile.

Tutto sarà vagliato con attenzione per accertare una corretta gestione del denaro pubblico da parte del Municipio. La situazione di dissesto in cui verte il Comune di Ispica perdura da tempo. E ogni singolo capitolo di spesa e ogni finanche minima utilizzazione di denaro da parte dell’Ente è in questo momento al vaglio degli inquirenti della Guardia di Finanza.

Tra i vari progetti che sono stati analizzati e controllati nel dettaglio dagli inquirenti c’è anche quello inerente il ripscimento morbido della fascia costiera, che ha ricevuto un finanziamento da parte del Ministero dell’Ambiente di 3,6 milioni di euro. Ma questo sarebbe soltanto uno e neppure tra i più grossi progetti e punti al centro dell’inchiesta condotta dalle Fiamme Gialle su disposizione della Procura della Repubblica di Ragusa.

Si sta vagliando la possibilità di violazioni in materia della spesa pubblica, con particolare attenzione alle somme di denaro ricevute dal Comune di Ispica da parte dello Stato e/o della Regione siciliana. Tra queste, ad esempio, c’è l’elargizione di 4 milioni di euro dovuti al ricorso che l’Ente ha fatto al decreto legge n. 35 per salvarsi dal dissesto. Sono fondi utilizzabili per il pagamento dei debiti contratti dall’Amministrazione pubblica con i tanti fornitori.

L’attività di indagine delle Fiamme Gialle è tuttora in fase di svolgimento. Non si esclude che presto si potrebbero avere dei risvolti. L’esito dell’attività ispettiva sarà probabilmente oggetto di valutazione della Procura generale presso la Corte dei Conti di Palermo che, già in passato, avrebbe riscontrato anomalie nella gestione contabile del Comune di Ispica. 

Valentina Raffa