Cronaca Vittoria 26/11/2014 14:03 Notizia letta: 2945 volte

Inseguiti in auto, coi bambini a bordo

Arrestati un italiano e un rumeno
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-11-2014/1417007068-0-inseguiti-in-auto-coi-bambini-a-bordo.jpg&size=666x500c0

Vittoria - Momenti di tensione e paura per le strade di Vittoria ieri sera, per un inseguimento della Polizia nei confronti di un’auto con targhe rubate.

A bordo, della macchina in fuga, c’erano anche due bambini. Alla fine, l’inseguimento si è concluso con l’arresto di due persone. Tutto è accaduto la scorsa sera, quando una Volante ha incrociato sulla Vittoria-Scoglitti un’auto sospetta. C’è stato l’inseguimento, con sirena e lampeggiante in funzione; gli agenti si sono messi dietro l’auto dei fuggitivi che, alla vista della Polizia, si sono fermati, hanno guardato ed hanno invertito la marcia. La Polizia li ha raggiunti e li ha rincorsi a piedi quando i due avevano deciso di mollare il mezzo.

In manette sono finiti un italiano ed un romeno: Carmelo Puccia di 32 anni e Florin Sandu, 29 anni.

L’inseguimento è stato lungo e durante la folle corsa in auto, il conducente della macchina in fuga ha messo in serio pericolo l’incolumità di chi era con lui e di chi incrociava la sua auto, tra sorpassi azzardati.

Chi se li è visti giungere di fronte, ha spinto il proprio mezzo fuori strada sugli slarghi, per evitare l’impatto.

Solo dopo aver preso i due che scappavano a piedi, gli agenti si sono accorti che dentro l’abitacolo si trovavano due bambini di 4 e 6 anni.  

L’auto era ‘radiata’ dalla circolazione perché esportata all’estero. Le targhe applicate invece, risultavano rubate nel 2012 ad un vittoriese e comunque anch’esse ‘radiate’ perché di un veicolo confiscato dallo Stato. Ed era questo il motivo che ha spinto i due alla folle fuga. A bordo dell’auto e addosso non avevano nulla di illegale, a parte un lungo coltello nel giubbotto di Puccia. I due, accusati per resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione, sono stati ai domiciliari. I bambini sono stati affidati alla loro mamma, una romena di 28 anni, compagna di Sandu. 

Redazione