Cronaca Santa Croce Camerina 01/12/2014 12:37 Notizia letta: 6877 volte

L'autopsia: Andrea è morto strangolato

Ch ha agito lo ha fatto con crudeltà
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-12-2014/1417433886-0-l-autopsia-andrea-e-morto-strangolato.jpg&size=886x500c0

Santa Croce Camerina - La conferenza stampa in Procura a Ragusa è terminata alle 12,45: la violenza sessuale non può essere esclusa. L'autopsia prosegue oggi pomeriggio. 

E' stato strangolato Andrea Loris Stival, il bambino di 8 anni il cui cadavere è stato trovato sabato nel Ragusano. Emergerebbe dall'autopsia effettuata sul corpo del piccolo che sarebbe morto in seguito "ad asfissia da strangolamento con precipitazione violenta": secondo l'esame infatti Andre Loris, dopo essere stato strangolato, è stato lanciato da un'altezza di 2,5 metri in un canalone di cemento.

Ciò che emerge è che il piccolo è stato ucciso, ma non ci sono le prove invece per confermare la violenza sessuale. La Procura ha aperto un fascicolo per omicidio volontario. Al momento l'indagine è contro ignoti ma in realtà il Procuratore capo Carmelo Petralia e il sostituto Marco Rota stanno lavorando a tempo pieno al caso e non starebbero per nulla brancolando nel buio. I dati finali dell'autopsia ufficialmente non sono ancora arrivati per il medico legale concluderà l'esame solo in giornata ma alcuni organi di informazione hanno anticipato i risultati che porterebbero alla violenza subita dal bimbo.

Intanto domenica è stato sentito Orazio Fidone, il cacciatore che sabato ha trovato il corpo. Fidone ha spiegato di essere andato in questura, a Ragusa, "per collaborare alle indagini" e dopo essere stato sentito per quattro ore come persona informata sui fatti ha dichiarato di essere "sereno, ho chiarito tutto e non sono indagato".

E' stata invece smentita la voce secondo la quale il padre del piccolo Andrea avrebbe detto di sapere chi ha ucciso suo figlio e di volerlo ammazzare. Voci smentite categoricamente da polizia e carabinieri: "E' assolutamente falso, non ha mai parlato dell'omicidio di suo figlio né ha mai detto di sapere chi è stato e di volerlo uccidere. Lunedì forse sarà tutto più chiaro".

Intanto gli investigatori hanno lavorato per la seconda notte consucutiva. Non si esclude nessuna pista, neppure quella dell' orco, ma al momento, confermano fonti operative, non ci sono riscontri ufficiali su quest'ultima tesi, né su quella che il ragazzo sia deceduto in un altro posto e poi trasferito nel canalone del Mulino Vecchio.

La Procura di Ragusa conferma che tra le ipotesi al vaglio dell'inchiesta sulla morte del piccolo Andrea Loris c'è anche quella della pedofilia. Anche se al momento non sarebbe una pista privilegiata. Ma, fortemente attenzionata. Secondo fonti investigative, ci sono esami medico-legali che ancora non riescono a chiarire con certezza la dinamica dell'accaduto. "Abbiamo bisogno di approfondire alcune analisi - ha detto il procuratore Petralia - prima di poter dire con certezza cosa sia accaduto. Stamattina vedrò il medico legale e gli investigatori per fare il punto sulla situazione".

Una bambina di 10 anni, davanti la scuola elementare Falcone-Borsellino, la stessa che frequentava Loris Stival, ha detto di aver visto "Loris sabato mattina scendere dall'auto della mamma ed è andato verso il chioschetto per comprare il panino. Poi mi sono allontanata e non l'ho più visto". Davanti all'istituto molti bambini ricordano Loris: "era vivace, gli volevano bene". Per quanto riguarda il servizio di vigilanza attivo fino allo scorso anno, la preside risponde: "Questo servizio non c'è più. Vedremo però nei prossimi giorni cosa è possibile fare".

Redazione