Cronaca Santa Croce Camerina 03/12/2014 17:36 Notizia letta: 8340 volte

Perquisizione a casa Stival, prelevato l'altro figlio. Si cerca sangue

La foto della Polo
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2014/perquisizione-a-casa-stival-prelevato-l-altro-figlio-si-cerca-sangue-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2014/1417625693-1-perquisizione-a-casa-stival-prelevato-l-altro-figlio.jpg&size=731x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2014/perquisizione-a-casa-stival-prelevato-l-altro-figlio-si-cerca-sangue-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2014/1417625693-1-perquisizione-a-casa-stival-prelevato-l-altro-figlio.jpg

Santa Croce Camerina - Perquisita dalla Scientifica la casa di Veronica Panarello Stival. 

Le forze dell'ordine hanno prelevato il figlio di 4 anni. 

I 4 terabyte di immagini delle quaranta telecamere a circuito chiuso installate in tutta S. Croce di Camerina hanno messo in dubbio la versione fornita dalla madre di Loris Andrea Stival. Il bimbo, trovato morto in un canalone, non è mai andato a scuola, anzi, le immagini mostrano Loris mentre scende dalla macchina e a piedi fa il percorso verso casa.

La Scientifica cerca tracce di sangue a casa Stival, per verificare se il bambino è stato ucciso in casa. 

Perquisizione terminata dopo quasi tre ore

E' terminata dopo circa due ore e mezza la perquisizione nella casa dei genitori di Andrea Loris Stival. Gli accertamenti, confermano fonti investigative, sono stati eseguiti dalle forze dell'ordine per verificare l'esistenza di elementi utili alle indagini. Sul posto hanno operato polizia e carabinieri. Il provvedimento e' scattato dopo le contraddizioni emerse dai fotogrammi di un video che escluderebbero la presenza del bimbo nell'auto della madre, intorno alle 8.15 di sabato scorso, circostanza che smentirebbe la ricostruzione della donna.

L'alibi di Fidone

Il cacciatore Orazio Fidone, colui che ha trovato il corpicino del piccolo Andrea Loris Stival in un canalone si difende: “Ho un alibi, ed è anche facilmente verificabile: sabato mattina (cioè quando il bambino è stato ammazzato, ndr) non ero in paese”. Lo ha detto agli inquirenti che lo hanno iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto, per sequestro di persona e omicidio.
Fidone sostiene che sabato mattina, quando Loris è stato ucciso (per la precisione, intorno alle 9:30, ha stabilito l’autopsia), lui si trovava al mercato di Vittoria:
“Basterebbe controllare i filmati delle telecamere in uscita da Santa Croce Camerina e all’entrata di Vittoria”.
Fidone è stato indagato dalla Procura di Ragusa in modo che potesse essere eseguirto un esame tecnico irripetibile: gli accertamenti su due auto e sui vestiti dell’uomo, che sono stati sequestrati.

Nella foto, la Polo di Veronica intercettata dalle telecamere.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg