Appuntamenti Ragusa 04/12/2014 21:31 Notizia letta: 2051 volte

L'autore di Contessa a Ragusa

Paolo Pietrangeli
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-12-2014/1417725112-0-l-autore-di-contessa-a-ragusa.jpg&size=667x500c0

Ragusa - Un romanzo musicale autobiografico che accompagna la lettura delle intrecciate storie con quindici brani, di cui tre inediti, ascoltabili attraverso il qr code. E’ con un libro multimediale che il cantautore e regista Paolo Pietrangeli (tra l’altro regista per anni del Maurizio Costanzo Show) segna il suo esordio letterario. Sarà a Ragusa lunedì 15 dicembre alle ore 18 per presentare “Una spremuta di vite”, appunto il suo primo romanzo pubblicato da Navarra Editore con la prefazione del giornalista Gianni Mura. Ad ospitare l’evento sarà il caffè letterario Le Fate diretto da Alina Catrinoiu che assieme al direttore artistico Carlo Muratori ha fortemente voluto la presentazione a Ragusa all’interno del tour che tocca le principali città italiane. Sarà Muratori a dialogare con l’autore di quello che nei fatti è un ricco contenitore di memoria. In questo libro Pietrangeli si dona senza reticenze raccontando più di 50 anni di storia calda del nostro Paese, trasformando un’appassionante autobiografia in romanzo. Parte dagli anni della gioventù quando si avvicina al fatato mondo del cinema, supportato dal padre Antonio che a casa ospitava Pasolini, Scola, Flaiano. Sono gli anni in cui è aiuto regista di Visconti e Fellini senza tralasciare il linguaggio da documentarista che ritroverà con forza anche di recente in occasione del G8 di Genova. Ma Pietrangeli è al tempo stesso cantautore e cantastorie. Conquista le piazze con brani che accompagnano i movimenti studenteschi e politici della fine degli anni ’60 con capisaldi come "Contessa" e "Valle Giulia", tanto per fare un esempio, fino ad arrivare al sodalizio con i musicisti del Nuovo Canzoniere Italiano e tante altre esperienze che lo portano in giro per l’Italia. Storie, episodi, aneddoti del recente passato raccontati nel libro con il distacco dell’oggi e con una grande ironia, senza nascondere nessun aspetto, comprese le critiche feroci che gli furono rivolte quando da comunista convinto iniziò a lavorare per le reti private di Berlusconi. Nella prefazione di Mura si mettono insieme i vari aspetti di una vita fatta da mille emozioni e mille momenti differenti, dal cantare davanti a 20 mila persone al cantare per i compagni, dal cantacronache alle manifestazioni studentesche, alle collaborazioni con i grandi registi, ai soldi di Berlusconi su cui Pietrangeli risponde con una canzone contenuta nel libro. E così quello che può sembrare il bilancio di una generazione sconfitta, stanca, esasperata, battagliera, è invece il manifesto di chi non ha mai smesso di arrendersi.

Redazione