Appuntamenti Scicli 15/12/2014 21:02 Notizia letta: 2432 volte

Marilina Buscema: Io sono io

Dal 26 dicembre
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-12-2014/1418673772-0-marilina-buscema-io-sono-io.jpg&size=521x500c0

Scicli - "Io non sono Io", come scriveva Juan Ramon Jimenez nell’omonima poesia, è il titolo scelto da Doren per la prima mostra personale ideata e organizzata dal collettivo indipendente Site Specific, presentata al pubblico venerdì 26 dicembre 2014 alle ore 18:00 presso lo spazio espositivo Site Art, situato a Scicli.

"Io non sono Io" è un progetto a cura di Marilina Buscema in cui l'artista presenta la sua personale visione del mondo mediante una vasta produzione di disegni, in cui forme e figure emergono dal foglio bianco, quasi fossero in sospensione, per rivelare un intimo flusso di coscienza. Attraverso l'arte Doren compie un viaggio di conoscenza, un'esperienza in cui simboli, colori e segni raffinati narrano eventi di cronaca, racconti familiari, avvenimenti storici. L'artista indaga ambienti personali, ombre segrete, atmosfere profonde caratterizzate da una forte tensione erotica, per risalire verso una visione dilatata fuori dall'io, in cui affiorano e si manifestano concetti densi di pulsioni sociali.

Doren, pseudonimo desunto da un comune austriaco situato nel Land Vorarlberg, è un’artista la cui identità rimane sconosciuta, come nelle sue intenzioni programmatiche. L'anonimato silenzioso, che fa da contro-altare al rumore assordante delle identità esibite nella nostra contemporaneità, è un espediente che permette a Doren di comunicare solo attraverso quello che crea, sottraendo se stesso/a alla responsabilità di fornire motivazioni e presupposti teorici altri da quelli che possiamo rintracciare nei suoi lavori. Doren è quindi un "io" dissolto nella liquidità del fare artistico, un animo che emerge nelle tracce biografiche dei suoi disegni, negli elementi sospesi delle sue rappresentazioni.

Durante l’opening dell’evento, verrà presentato il catalogo della mostra a cura di Site Specific, edito da Muse Edizioni.

Redazione