Lettere in redazione Comiso 07/01/2015 20:40 Notizia letta: 5344 volte

La mia brutta esperienza nell'attesa di un volo

Riceviamo e pubblichiamo
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-01-2015/la-mia-brutta-esperienza-nell-attesa-di-un-volo-500.jpg

Comiso - Gentile redazione,
con la presente esprimo tutto il mio disappunto e disprezzo per la compagnia aerea Fly Hermes.

Il 6 gennaio, insieme a 167 passeggeri, ho atteso invano quasi 8 ore un aereo per Torino mai partito che, sin da quando sono arrivato al terminal, è stato segnalato in ritardo.
Dopo 3 annunci di ritardo, alle ore 14.50 un addetto dello scalo di Comiso comunica che “…il volo è annullato per motivi tecnici, siete invitati a ritirare il vostro bagaglio ed attendere informazioni di riprotezione”.

Nell’attesa, sempre più vana con il passare dei minuti, si scopre che la Fly Hermes ne ha combinate più di Bertoldo in appena 2 settimane, con un volo Comiso-Torino il 2 gennaio partito con 9 ore di ritardo ed un Torino-Comiso con ritardo di un giorno intero il 3 gennaio.
Tensione alle stelle, nessun addetto o dirigente della Fly Hermes presente, call-center della compagnia con la segreteria telefonica attivata, e 168 passeggeri lasciati al loro destino, con impegni di lavoro annullati, esami universitari persi, persone che ci rimettono i biglietti per Juventus-Inter e soprattutto una domanda: e quindi?
L’aereo era peraltro visibile dal gate dove eravamo accampati, con l’equipaggio visto salire intorno alle 13.00 e nessuna particolare “ammaccatura” visibile ad occhio nudo.

Dopo mezz’ora di caos puro all’ingresso dello scalo comisano, ci viene comunicato che “…a breve riceverete una comunicazione dalla compagnia con informazioni sulla vostra riprotezione”. Se può interessare, dopo 30 a me non è arrivata né una mail né tantomeno una telefonata da nessuno.
Oltre al danno la beffa, visto che in tanti abbiamo dovuto sobbarcarci una spesa non indifferente per poter tornare a casa in data 7 gennaio, ripiegando su voli da Catania a prezzi folli: in 4 abbiamo speso più di € 1.400,00 per un Catania-Torino della Blue Air, somma spesa con la sensazione di essere derubati.
Bello scoprire a tarda sera che la compagnia abbia emesso un patetico comunicato di scuse, nascondendo il fatto di non avere la licenza di volo dall’Enac per la data del 06/01/2015.

Per onor di cronaca la Fly Hermes, o chi per loro, ieri nell’attesa ha offerto un buono pasto da € 5,00 presso il bar dello scalo comisano, con due valorosi ragazzi che hanno fronteggiato 170 clienti tutti insieme.
Mi auguro che l’Enac e la società a capo dell’Aeroporto di Comiso, di fatto vittima di questa pessima pubblicità a livello nazionale, prendano seri provvedimenti.

Cordiali saluti

Alberto Emmolo
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif