Lettere in redazione Modica

Le file per la Tari, a Modica

L'intervento del consigliere Cavallino

Modica - Prendiamo atto della decisione del Sindaco Abbate di rateizzare il pagamento Tari 2014 ma bisogna sottolineare che si tratta di un provvedimento tardivo. Il sottoscritto infatti già a suo tempo, quando agli inizi del mese di dicembre furono recapitati i bollettini di pagamento ai cittadini, propose la rateizzazione proprio per venire incontro alle centinaia di famiglie modicane impossibilitate a pagare l’interno importo viste le note condizioni generali di difficoltà economiche. Adesso la decisione, che se da una parte, giustamente, fa tirare un sospiro di sollievo a coloro che fino ad oggi non hanno potuto pagare, dall’altra molti cittadini che si sono premurati a rispettare la scadenza iniziale si ritrovano beffati da questo provvedimento, che ripeto ritengo tardivo. Una decisione che comporterà comunque disagi e malcontenti considerato che chi intende usufruire della rateizzazione deve ritirare i nuovi bollettini presso l’ufficio tributi, ex poste, sito ancora non idoneo ad accogliere ancora una volta le tante persone che si rivolgeranno a codesto ufficio. I locali adibiti alla riscossione tributi non sono per niente adeguati a questo tipo di servizio, un unico stanzone poco fruibile, senza una sala d’attesa, viste le lunghe file, e costretti a stare fuori a subire le intemperie climatiche, soprattutto in questi giorni così freddi, manca la privacy per chi deve chiedere informazioni e per chi deve pagare; non si è provveduto ad allocare pannelli divisori per tutelare la privacy di ogni cittadino. Fatto questo sollecitato più volte, questa amministrazione ha avuto più di un anno di tempo per risolverla, avendo a disposizione pure le risorse economiche . Sarebbe opportuno avere più attenzione e celerità nell’accogliere le istanze dei cittadini ed in questo caso anche dei dipendenti comunali che avrebbero una serenità maggiore nell’informare l’utente in condizioni più idonee anche alle loro esigenze. In ultima analisi invito il sindaco a scongiurare l’ipotesi di incaricare della riscossione dei tributi locali un ente esattoriale esterno, la riscossione dovrebbe essere risolta avviando una task force programmata interna coinvolgendo i dipendenti comunali adibendoli a tali funzioni che peraltro porrebbe un argine all’evasione e consentirebbe il pagamento dei tributi.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif