Appuntamenti Ragusa 21/01/2015 13:32 Notizia letta: 3952 volte

Funghi iblei, se ne parla a Ragusa

Dal 22 al 25 gennaio
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-01-2015/funghi-iblei-se-ne-parla-a-ragusa-500.jpg

Ragusa - Un prestigioso appuntamento scientifico. E’ quello proposto dall’Associazione micologica Bresadola, gruppo ibleo di Ragusa, che si terrà da domani, giovedì 22, a domenica 25 gennaio.

E’ in programma, infatti, un comitato scientifico dedicato alla ricerca ed allo studio di specie fungine “critiche” del nostro territorio. L'iniziativa vedrà la straordinaria partecipazione del prof. Giovanni Consiglio, vero e proprio luminare della materia, direttore della rivista di micologia, a livello nazionale, dell’associazione Bresadola. In particolare, in ogni giornata, si svolgerà uno specifico programma secondo la seguente scaletta: alle 8 partenza per le zone di ricerca, alle 13 rientro, alle 15,30 lavori di determinazione e discussione, alle 19 relazioni. I lavori si svolgeranno nei locali della confraternita dei cenacolari dell’Antica Contea a Ibla, in via Discesa Mugnai, sotto via del Mercato. A relazionare, giovedì e venerdì, saranno Rosa Tomasello, docente di Oncologia della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Messina, che si soffermerà su “I funghi in oncologia”; Carmelina Signorino, direttore responsabile della rivista di micologia siciliana e componente del comitato scientifico Amb del gruppo ionico-etneo Riposto, che affronterà il tema “Chlorophyllum brunneum: ancora un Chlorophyllum sul litorale Jonico”. E quindi Emanuele Brugaletta, presidente Amb del Gruppo Ibleo di Ragusa e componente dell’annesso comitato scientifico, che parlerà di “Alcune interessanti entità fungine della Sughereta di Granieri”. L’attesa relazione del prof. Giovanni Consiglio è in programma per sabato 24 gennaio alle 19 sul tema “Funghi allucinogeni – Genere Psilocybe”. “Si tratta – dice il presidente Brugaletta – di una iniziativa di alta valenza scientifica che ospitiamo per la prima volta a Ragusa e che la presenza del prof. Consiglio, senza nulla togliere all’autorevolezza e alla capacità degli altri relatori, è destinata a rendere ancora più interessante e ricca di fascino”.

Redazione