Cronaca Ragusa 26/01/2015 11:14 Notizia letta: 6252 volte

La droga con WhatsApp, arresto a Ragusa

C'è Nuccio Cassisi
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-01-2015/1422267396-0-la-droga-con-whatsapp-tre-arresti-a-ragusa.jpg&size=597x500c0

Ragusa - La Polizia di Stato, grazie ad una fulminea ma complessa operazione portata a termine ieri sera dalla Squadra Mobile e dalla Squadra Volanti, ha proceduto all’arresto di Nuccio Cassisi, nato a Vittoria, 26 anni, e residente a Ragusa ed alla denuncia di C.A. di 20 anni, e M.H. polacco di 21 anni, entrambi residenti a Ragusa per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante di aver venduto hashish e marijuana a due ragazzine di appena 14 anni.

Diversi genitori, preoccupati per lo strano comportamento dei figli che si volevano recare in centro da soli senza mai essere accompagnati o per le cartine trovate negli zaini di scuola o ancora per quell’incessante richiesta di piccole somme di denaro, si sono rivolti alla Polizia di Stato chiedendo aiuto e di monitorare i propri figli proteggendoli. Appresa la notizia, poliziotti in borghese e Volanti della Polizia appuravano che effettivamente in Via Martorana, a pochi passi da Piazza San Giovanni luogo di ritrovo dei giovani ragusani, vi era un gran via vai di persone, ma tutto sembrava normale in quanto li vi abitano due giovani fratelli che ogni tanto organizzano dei festini, così come raccontato da alcuni informatori della Polizia.
In considerazione della fondatezza delle notizie acquisite veniva predisposto l’intervento di Polizia.

Sabato pomeriggio, intorno alle 15, gli agenti in borghese della Squadra Mobile iniziavano un servizio di appostamento ed osservazione dell’immobile oggetto di interesse investigativo.
Neanche dopo un’ora di servizio i primi giovani si recavano a bussare alla porta, quindi gli agenti della Squadra Mobile congiuntamente ad una Volante che si trovava già pronta per il blitz facevano irruzione in casa procedendo all’identificazione di tutti i presenti.
I giovani cercavano di dileguarsi ed occultare dello stupefacente che si trovava sul tavolo ma i poliziotti sono stati molto più veloci, bloccando tutti rinvenendo un po’ di droga.
Tutti pronti a dire che della droga non sapevano nulla, che erano li di passaggio, alcuni quasi volevano far credere di essersi trovati a casa di un conoscente quasi per errore ma il nervosismo aumetava.
Tra i presenti due giovanissime ragazze di 14 anni motivo che ha spinto i poliziotti a convocare subito i genitori in Questura che preoccupati sono immediatamente accorsi collaborando con i poliziotti facendo ammettere le proprie responsabilità alle figlie.
In considerazione del nervosismo dei giovani presenti e della droga rivenuta si procedeva alla perquisizione dell’immobile e dei giovani attività che ha permesso di sequestrare quasi 200 grammi di hashish e marijuana.
La droga era ovunque, hashish e marijuana nei cassetti, sotto il letto, in cucina, negli armadi, disseminata da tutte le parti per evitare controlli di Polizia a sorpresa, ma questo non ha di sicuro scoraggiato gli agenti che con una minuziosa attività di ricerca hanno trovato ogni dose.
Nel locale di ingresso adibito a soggiorno/cucina venivano rinvenute due dosi di hashish, nel cassetto delle posate del mobile veniva rinvenuto un sacchetto di cellophane contenente 20 dosi di marijuana e 20 dosi di hashish. Tutta la sostanza stupefacente era stata accuratamente suddivisa in porzioni e confezionata pronta per la vendita. All’interno di un altro cassetto dell’armadio vi era un taglierino con tre lame intrise di sostanza stupefacente, utilizzato per confezionare. Nello stesso mobile venivano rinvenuti 4 bilancini di precisione di varie marche e dimensioni. Nello sportello superiore vi era un contenitore in plastica al cui interno vi erano 5 pezzi di sostanza stupefacente del tipo hashish ancora da tagliare ed una piccola sciabola, tipo Katana giapponese, con la lama sporca di hashish. All’interno di un mobile della camera da letto vi era un grosso pezzo di hashish ed un sacchettino in cellophane con 9 stecche già confezionate per la vendita. Preoccupante il rinvenimento di un cubetto di mannitolo, sostanza utilizzata per il taglio di eroina e cocaina, difatti le indagini proseguono per accertare il coinvolgimento di Cassisi e dei suoi complici anche in altre attività di spaccio.
Ultimata la perquisizione dei giovani presenti, venivano individuati 3 acquirenti che ammettevano di essersi recati li per comprare droga difatti uno di loro aveva occultato hashish negli slip e le due ragazzine avevano messo la droga nel reggiseno.

Le indagini condotte dagli investigatori e l’intervento diretto ed immediato della Polizia di Stato ha permesso di porre fine ad un’attività di spaccio di droga molto preoccupante, visto che i clienti erano tutti giovanissimi, la maggior parte dei quali ancora minorenni.
Al termine dell’operazione, Cassisi è stato condotto in carcere dopo i rilievi fotografici della Polizia Scientifica e gli altri complici sono stati denunciati solo era già trascorsa la flagranza in quanto l’attività di Polizia Giudiziaria ha permesso di appurare che ore prima i due avessero venduto ad altri due minori della droga.
Non cambiano le responsabilità, Cassisi e soci risponderanno dello stesso reato, detenzione ai fini di spaccio con l’aggravante di aver ceduto droga a minorenni.
Gli acquirenti invece, incorreranno in sanzioni amministrative per essere stati trovati in possesso di droga per uso personale. A loro carico inoltre potranno essere presi provvedimenti concernenti il ritiro della patente di guida, porto d’armi o ancora il divieto di conseguire il passaporto.

La droga sequestrata sarà prima inviata al laboratorio analisi dell’Asp e poi con provvedimento dell’Autorità Giudiziaria verrà distrutto.
In considerazione delle notevoli quantità di sostanza stupefacente rivenuta, è possibile sin d’ora affermare che centinaia di dosi potevano essere confezionate mediante la suddivisione dei panetti quasi integri rinvenuti.