Lettere in redazione Vittoria 01/02/2015 18:41 Notizia letta: 2959 volte

Mafia al mercato, Terranova: ecco la ricetta

Parla l'esponente di Forza Italia
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-02-2015/1422812573-0-mafia-al-mercato-terranova-ecco-la-ricetta.jpg&size=735x500c0

Vittoria - L’agguato mafioso del dicembre scorso con cui è stato ucciso l’esponente della ‘ndrangheta calabrese e l’Interrogazione parlamentare con cui si evidenziano fatti e meccanismi, a dir poco inquietanti, che opererebbero nel tessuto socio economico orbitante sul Mercato ortofrutticolo di Vittoria (iniziativa parlamentare di per sé oggettivamente meritoria ed apprezzabile, a prescindere dal fatto che pervenga da un esponente politico di un altro schieramento; non è questo il punto di vista che ci riguarda ma la bontà dell’attività in se stessa) mettono in rilievo la necessità di fare fronte comune rispetto alla riorganizzazione/recrudescenza malavitosa e l’urgenza di interventi risolutivi da parte delle Istituzioni, siano esse giudiziarie, sotto l’aspetto investigativo e repressivo, siano esse amministrative, sotto quello della gestione e controllo della struttura mercatale di Vittoria.
Per quanto concerne le misure urgenti che il Comune di Vittoria dovrebbe adottare, risulta prioritaria l’adozione del nuovo Regolamento Comunale di gestione dell’ortomercato, approntato da Piero Gurrieri, Vice Presidente Nazionale di Avviso Pubblico, e mai adottato dall’Amministrazione comunale di Vittoria. Regolamento che, così come articolato e concepito, costituirebbe sicuramente un argine ai tentativi di elusioni delle leggi e, dunque, un concreto deterrente. Occorrerebbe, altresì, che tutti i soggetti istituzionali ed associativi firmatari del “Protocollo di Legalità” per il Mercato in oggetto, (sottoscritto da Prefetto, Sindaco, Presidente di Vittoria Mercati S.r.l, Segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil, Presidenti di Coldiretti e Confagricoltura, e dal Presidente dell’Associazione Commissionari dell’ortomercato) ognuno per le proprie competenze, attuassero tutte le misure consequenziali agli impegni assunti con la detta sottoscrizione.
L’attuazione delle misure d’intervento sopra menzionate ed auspicate, oltre allo scopo per cui sono state concepite, sono, altresì, urgentissime al fine di evitare che la Città di Vittoria, gli operatori commerciali, i Commissionari del Mercato ortofrutticolo di Vittoria e l’intera economia agricola possano essere vittime di una superficiale o artata generalizzazione che ne penalizzerebbe l’immagine e la dignità.

Riccardo Terranova
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg