Cronaca Scicli 07/02/2015 15:12 Notizia letta: 5684 volte

Furti a Scicli, arrestato comisano

Salvatore Perone, 47 anni
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-02-2015/1423318380-0-furti-a-scicli-arrestato-comisano.jpg&size=490x500c0

Comiso - È il risultato dei mirati servizi di contrasto ai reati predatori predisposti dall’Arma dei Carabinieri per il controllo del territorio, soprattutto a seguito dei recenti episodi verificatisi sul territorio sciclitano.

I Carabinieri della Compagnia di Modica hanno messo in campo un ampio dispositivo di rinforzo dei servizi di controllo del territorio, sulla scorta anche di quanto stabilito dal Prefetto in seno ai recenti comitati per l’ordine e la sicurezza pubblica, finalizzato, in particolare, alla prevenzione e repressione dei reati predatori e, segnatamente, furti e rapine nelle abitazioni ed anche per garantire una maggiore percezione della sicurezza ai cittadini in considerazione dei recenti episodi criminosi verificatisi nel comune di Scicli.
Proprio nel corso degli appositi servizi di contrasto ai furti, disposti dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Ragusa, Ten. Col. Sigismondo Fragassi, nel pomeriggio di ieri, i militari dell’Arma hanno sorpreso e tratto in arresto Perone Salvatore, classe 1968, comisano, con precedenti specifici per reati contro il patrimonio.
Infatti, l’uomo, poco prima, aveva tentato di compiere un furto all’interno di un’abitazione a Scicli, in contrada San Marco, ove si era introdotto dopo averne forzato una finestra.
Poco dopo, però, il proprietario dell’immobile, nel fare rientro a casa, notava la forzatura della finestra e, preoccupato di trovare i ladri all’interno, allertava immediatamente i Carabinieri.
Il malvivente, vistosi sorpreso in flagranza, abbandonava di corsa l’abitazione e tentava la fuga per le vie limitrofe ma, tempestivamente, veniva bloccato da alcune pattuglie dei Carabinieri che, nel frattempo, avevano circondato l’area e chiuso le possibili vie di fuga.
Il ladro veniva quindi sottoposto a perquisizione e veniva trovato in possesso di un coltello a serramanico di genere vietato, un piede di porco, un passamontagna con dei guanti ed infine di uno spray antiaggressione al peperoncino.
Nel frattempo, un’altra pattuglia dei Carabinieri rintracciava, parcheggiata nei pressi dell’abitazione presa di mira, un’autovettura sospetta che, sottoposta ad accertamenti, è risultata di proprietà del malvivente che, probabilmente, aveva temporaneamente lasciato per tornare a prenderla, e quindi darsi alla fuga, una volta calmate le acque.
All’interno del mezzo del malvivente, inoltre, i Carabinieri hanno rinvenuto una torcia a Led ed altri attrezzi atti allo scasso.
Al termine delle formalità di rito i militari dell’Arma hanno dichiarato l’uomo in stato di arresto e, su disposizione del sostituto procuratore di turno, d.ssa Alessia La Placa, lo hanno tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.
Fondamentale è stata la collaborazione del cittadino vittima del tentato furto che immediatamente ha allertato i Carabinieri permettendo il tempestivo intervento e quindi l’arresto del malvivente.
A tal proposito, i Carabinieri invitano tutti i cittadini a collaborare tempestivamente chiamando il 112 laddove dovessero notare eventuali movimenti e/o persone sospette.
Intanto, proseguiranno ulteriormente appositi servizi di controllo del territorio da parte dell’Arma dei Carabinieri per il contrasto ai reati predatori anche, come già fatto nei giorni scorsi, con il supporto di elicotteri in dotazione per una sempre maggiore vigilanza dell’intero territorio di competenza.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg