Cronaca Pozzallo 20/02/2015 09:30 Notizia letta: 4127 volte

Pompe funebri, una truffa da 30 mila euro a Pozzallo

Scoperta dalla Finanza
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-02-2015/pompe-funebri-una-truffa-da-30-mila-euro-a-pozzallo-500.png

Pozzallo - Continua la lotta della Guardia di Finanza a tutela della spesa pubblica nazionale e comunitaria.

A finire nel mirino delle Fiamme Gialle, a qualche mese dall’operazione “serra fantasma” in cui fu individuata una truffa a danno dello Stato per oltre un milione di euro, questa volta è un uomo pozzallese titolare di una ditta individuale operante nel settore delle onoranze funebri.

La ditta, beneficiaria di un contributo statale per la realizzazione e l’avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione, dopo aver ottenuto lecitamente l’agevolazione, viene subito meno alle clausole contrattuali e chiude i battenti.

Nello specifico, dopo aver incassato l’intero aiuto statale di oltre 30 mila euro e solo dopo due anni dall’inizio dell’attività, l’impresa cessa senza alcuna comunicazione, nascondendo di fatto all’Agenzia erogatrice, l’INVITALIA, la perdita dei requisiti ed impedendo pertanto il recupero della somma elargita a titolo di agevolazione.

Il contratto con l’Agenzia erogatrice prevedeva costanti aggiornamenti sull’andamento produttivo dell’azienda, oltre ad un periodo minimo di permanenza sul mercato di almeno 5 anni. Entrambe clausole mai rispettate.
La truffa, architettata dal soggetto, è stata scoperta dai finanzieri di Pozzallo, che oltre all’occultamento della chiusura della ditta, hanno denunciato la vendita in nero dei beni strumentali, escogitata dallo stesso per non lasciare alcuna traccia.

Il contrasto degli illeciti in materia di spesa pubblica risulta oggi uno degli obiettivi cardine dell’azione della Guardia di Finanza, che in tale settore è chiamata a rafforzare il suo ruolo di organo ispettivo di riferimento per le Amministrazioni statali, le Regioni, le autonomie locali e la Corte dei Conti, in una prospettiva di contenimento e razionalizzazione delle uscite di bilancio, specialmente nell’attuale periodo di contenimento della spesa pubblica, per evitare che preziose risorse vadano disperse o diventino preda di truffatori ed associazioni criminali.

Il soggetto, sottoposto ad una verifica fiscale, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per truffa finalizzata conseguimento di erogazioni pubbliche. È stato richiesto infine il sequestro per equivalente dei beni in suo possesso fino a concorrenza dell’importo truffato ai fini del rientro della somma da parte dello Stato.

Redazione