Cronaca Santa Croce Camerina 24/02/2015 21:15 Notizia letta: 3300 volte

Loris, la testimone: mi sono sbagliata, non era lui alla fontana

Un punto a sfavore di Veronica
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/24-02-2015/loris-la-testimone-mi-sono-sbagliata-non-era-lui-alla-fontana-500.jpg

Santa Croce Camerina - Nuovi dettagli dall'inchiesta sull'omicidio di Loris Stival. Non era lui il bambino che una testimone aveva creduto di avere visto il giorno della scomparsa in una piazza di Santa Croce Camerina, intorno alle 8:40, anche se aveva sempre sostenuto di non essere in grado di riconoscerlo.

La polizia di Stato ha infatti trovato il ragazzino visto dalla donna, che ha confermato la ricostruzione della testimone: un ragazzo di 10 anni che aspettava sua madre in attesa di andare alla stessa scuola, ma in un altra classe, frequentata da Loris Stival, che non conosceva.

La paura dell'assalto mediatico

Cade una testimonianza a favore di Veronica Panarello, in carcere con l'accusa di aver ucciso il figlio di 8 anni, Loris Stival. Una donna aveva raccontato agli inquirenti che la mattina in cui Loris è stato ucciso, il 29 novembre, aveva incrociato un bambino intorno alle 8.40, in una piazza di Santa Croce Camerina. In base al suo ricordo poteva trattarsi effettivamente del piccolo Loris, circostanza che avrebbe suffragato quanto raccontato dalla mamma: lo aveva accompagnato a scuola, e forse lui non era entrato in aula. Ma la polizia ha rintracciato il bimbo che si trovava in piazza: ha 10 anni e quel sabato aspettava sua madre in attesa di andare a scuola, la stessa frequentata da Loris, ma in un'altra classe. Si è inoltre saputo che era stata proprio questa mamma a dire al proprio figlio di non raccontare nulla per evitare "l'assalto mediatico".

Redazione