Lettere in redazione Ispica 25/02/2015 00:35 Notizia letta: 3153 volte

Mary Ignaccolo: A Ispica sia rigenerazione comune

Un nuovo movimento
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-02-2015/mary-ignaccolo-a-ispica-sia-rigenerazione-comune-500.jpg

Ispica -  Lo scorso giugno 2014, con le dimissioni dalla carica di amministratore comunale, prendevo le distanze dalla scena Politica della mia città, Ispica. Ho sentito l’esigenza di chiamarmi fuori, distaccarmi da un sistema e tentare di preservare quanto di bello e importante quell’esperienza mi aveva per certi aspetti, per altri meno, dato.
Il delicato momento storico che oggi vive la Politica dell’intero Paese continua a destabilizzare, alimentare senso d’impotenza, rabbia, frustrazione nel cittadino e tali sentimenti creano sconforto, si assiste inermi a tristi rese o a fughe quando non sfociano, invece, in sterili polemiche fini a se stesse, troppo spesso strumentali e per niente costruttive. In tutto questo, un profondo senso del dovere verso la causa pubblica, verso il mio territorio ha continuato ad accompagnare il mio pensiero di questi mesi non permettendomi di girare la testa dall’altra parte. La mia esperienza politica mi aveva insegnato a riconoscere la verità dalla menzogna, a distinguere come troppo spesso il cittadino si ritrovi a essere ignaro strumento nelle mani di chi ha interessi e ho sentito l’esigenza di spendermi, dare un mio contributo ripartendo da un impegno, dal senso civico, operare verso scelte che possano conseguire il bene comune ed è nel progetto politico-culturale Movimento Rigenerazione Comune che ho riconosciuto tali ideali.
Se occorre infatti inseguire l’idea di una presa di coscienza, di una rinascita da quelli che sono antichi schemi politici di stagno, se occorre dare speranza e riscatto alle nuove generazioni, dignità all’uomo, alla donna, alla famiglia, se avere trent’anni deve di nuovo poter significare essere adulti, avere una propria indipendenza, proprie responsabilità ma anche proprie gratificazioni, così come averne quaranta, non deve più significare essere precari, allora nuove logiche di sviluppo, nuovi valori sono tutti obiettivi del Movimento Rigenerazione Comune.
Un movimento di apertura per la gente e alla gente comune, quella gente che ogni mattina studia o va a lavorare e che ha diritto di credere ancora nei propri sogni ma anche un movimento di trasparenza, intesa come chiarezza ed esplicitazione delle azioni, di ascolto, di confronto e di condivisione dell’interesse comune.
Un movimento dove ciascuno è protagonista.
Rigenerazione comune è già un laboratorio per costruire e lavorare insieme adoperandosi in ogni ambito per Ridare Efficienza alla nuova azione amministrativa, Raggiungere il Bene Comune di tutto il territorio e Ridare Dignità e Rispetto al cittadino.

Mary Ignaccolo