Appuntamenti Modica 28/02/2015 19:56 Notizia letta: 2270 volte

Gaber: Io, se fossi dio

Il 4 marzo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-02-2015/1425149829-0-gaber-io-se-fossi-dio.jpg&size=355x500c0

Modica - Mercoledì 4 marzo, ore 19, alla Libreria Mondadori di Modica (Corso Umberto I, 123) Mario Bonanno presenterà il suo libro "Io se fossi Dio. L’Apocalisse secondo Gaber”; modera il giornalista Leonardo Lodato del quotidiano "La Sicilia". Il libro, pubblicato dalla casa editrice “Stampa Alternativa”, racconta di un brano bello e complicato, del periodo storico in cui esso venne concepito e di una Italia della quale non ci si è mai vergognati abbastanza.

Io se fossi Dio è un disco fantasma, pubblicato all’alba degli Ottanta e mai più ristampato nella sua forma originale. Non è un caso: Io se fossi Dio è il disco più enfio, scomodo, irriverente, coraggioso, virulento, sincero, che Giorgio Gaber abbia mai prodotto. Il disco di cui nessuno ha mai parlato - e parla - volentieri. Perché negli anni bubble gum della Milano da bere, del craxismo imperante, dell’Italia che andava a puttane fuori e dentro metafora, Io se fossi Dio è stato l’lp (ancorché anomalo: mini 33?, maxi 45?) che nessuno voleva.

Non lo voleva la casa discografica che ha finito, difatti, col tirarsi indietro. Non lo volevano i giornalisti di Palazzo, e nemmeno i partiti politici, mossi dallo sdegno per la lesa maestà del martire Aldo Moro. Meno che mai lo volevano stampa e televisioni, già genuflesse al benpensantismo di facciata e all’euforia di dovere.

Ad oltre trent’anni dall’uscita dell’album e a dieci dalla morte di Gaber, Mario Bonanno rompe il silenzio, commentando questa canzone strofa per strofa con il supporto di fonti dell’epoca e con le interviste inedite a Sergio Farina e Sandro Luporini, intersecandone la storia ufficiale e i retroscena.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg