Attualità Ispica 02/03/2015 18:21 Notizia letta: 3012 volte

Nuovo Centrodestra, innervosito, attacca Monaca

A freddo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-03-2015/1425316921-0-nuovo-centrodestra-innervosito-attacca-monaca.jpg&size=503x500c0

Ispica - Mariagiovanna Gradanti, presidente del Nuovo Centrodestra di Ispica, è intervenuta oggi, con una propria nota, sulla candidatura a sindaco di Paolo Monaca, consigliere comunale di area leontiniana (PID), che ha presentato la settimana scorsa le otto liste civiche a sostegno del nuovo progetto politico (o, per dirla con Gradanti, ‘apolitico’, “perché ha tutta l’aria di voler mostrarsi ed apparire come la negazione della politica”) per le prossime Amministrative.
“La giovinezza di per sé non costituisce merito – esordisce la trentenne presidente di NCD, che di certo avrebbe casomai interesse nell’affermare il contrario – Un mero vantaggio anagrafico sugli altri candidati a sindaco non è nulla più di questo e, semmai, porta fatalmente in dote una certa inesperienza.
Aver meno di quarant’anni non è garanzia di onestà, correttezza e capacità; avere meno di quarant’anni ed essere già promotori e artefici del dissesto finanziario del Comune di Ispica, poi, rappresenta un’aggravante insopportabile!
Ispica merita di meglio.
Ispica merita di meglio di chi, a suo dire, si vergogna di dichiararsi ispicese.
Ispica merita di meglio di chi lascia un passo indietro le ‘vecchie volpi’ mandando in avanscoperta giovani ‘under 40’ in buona fede a riempire liste vuote, tanto di simboli quanto di contenuti.
Ispica merita di meglio di chi rinnega la propria storia e l’illustre e ‘molto politico’ avo nel vano tentativo di apparire ‘apolitico’, o peggio ‘antipolitico’, sol perché di questi tempi << la politica fa schifo >> è il tormentone che va per la maggiore.
Ispica merita di meglio di chi nega con forza l’appoggio di questo o quell’onorevole, forse perché se ne vergogna, o magari perché è proprio l’Onorevole (nome e cognome: Innocenzo Leontini) ad averlo scaricato, dopo averlo nutrito col veleno del rancore personale come motivo, del giustizialismo come modus operandi e arma per disarcionare l’avversario, al grido di << costi quel che costi >>, e pazienza se a pagare è la città intera.
Ispica merita di meglio dei ‘nuovi’ progetti politici dei ‘vecchi’ Santoro e Fidelio.
Ispica merita di meglio del candidato a sindaco Paolo Monaca”.

Redazione