Lettere in redazione Ispica 08/03/2015 01:02 Notizia letta: 2469 volte

Paolo Monaca: Sono al centro

E sono un socialista e un riformista
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-03-2015/1425773170-0-paolo-monaca-sono-al-centro.jpg&size=630x500c0

Ispica - Gentile redazione,
scrivo per chiarire, ai lettori, e ai giornalisti, alcune cose che mi stanno a cuore, alla luce della mia candidatura alla carica di sindaco di Ispica.
In queste ore mi sono anche imbattuto in alcuni report giornalistici in cui si dice che Paolo Monaca è il candidato del centrodestra, di questa o quella consorteria.
E sorrido.
Sorrido all’idea dei commenti di quanti conoscono la formazione politica mia, delle persone a me più care e vicine.
Socialista. La mia formazione politica è quella di un riformista. Parola caduta in disuso nel lessico politico italiano, ma nobilissima e dalle radici storiche profonde.
Può essere di centrodestra un candidato sindaco che ha avversato il centrodestra ispicese nella sua declinazione di governo uscente e che dal Nuovo Centrodestra viene attaccato? Basta andare a rileggere gli emendamenti, le mozioni di indirizzo, le interrogazioni e i circa trenta comunicati da me diramati in tono critico verso l’attuale esperienza di governo.
Non vorrei essere qualunquista, ma nessuno può negare che nelle liste che sostengono la mia candidatura non ci sono simboli di partito, di destra o di sinistra. Quale è lo spazio politico della mia candidatura? Di centro, se preferite, comunque legata a un’esperienza civica. Non essere organico al Partito Democratico non vuol dire schierarsi nella fazione opposta. La mia candidatura è quindi una candidatura civica, sostenuta da giovani, da otto liste civiche, in un percorso politico personale che ha visto la mia formazione maturare nell’alveo dell’esperienza del Partito Socialista.
Il nostro è un approccio costruttivo, programmatico, fatto di idee, proposte, entusiasmo. In una parola, partecipazione.
Chiudo, ringraziando quanti, attaccandomi senza ricevere da me il segno dell’astio e del rancore, hanno contribuito a determinare, nell’opinione pubblica cittadina, la consapevolezza che la mia candidatura è fuori dagli schemi, di rottura rispetto a un recente passato, e di recupero di un passato antico che ha visto Ispica protagonista di una stagione che vogliamo far rivivere.
Grazie.

Paolo Monaca