Lettere in redazione Scicli 13/03/2015 14:45 Notizia letta: 1520 volte

Palazzolo: Sen. Padua, un'occasione mancata

Riceviamo e pubblichiamo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-03-2015/1426254340-0-palazzolo-sen-padua-occasione-perduta.jpg&size=667x500c0

Scicli - La funzione dei rappresentanti istituzionali e dei partiti politici è quella di farsi portavoce dei bisogni, delle speranze, delle aspirazioni del territorio di riferimento; di porsi alla testa delle rivendicazioni del "popolo" che rappresentano.
Nella vicenda che vede il rischio che la nostra città sia marchiata come mafiosa - con le conseguenze che sappiamo per il settore turistico finalmente decollato (e per la conferma dell'iscrizione nella "lista" UNESCO?) - è fragoroso il silenzio del gruppo dirigente del PD locale; e appare - mi sia consentito - "opportunistico" l'atteggiamento della Senatrice che ci rappresenta, che si nasconde dietro il rispetto della magistratura, ben sapendo che l'azione penale (l'eventuale rinvio a giudizio e poi i tre gradi del processo dell'ex sindaco) è cosa distinta e diversa dalla decisione politico-amministrativa del Ministero dell'Interno sullo scioglimento del Consiglio Comunale.
I cittadini promotori della raccolta delle firme hanno atteso invano che il PD locale e la senatrice si muovessero, si ponessero alla testa della richiesta popolare; il sottoscritto, insieme con altri, lo ha anche richiesto in una pubblica assemblea del PD.
Sia chiaro: se fosse evidente il condizionamento mafioso la città accetterebbe lo scioglimento del Consiglio Comunale per infiltrazioni mafiose e il danno economico conseguente. Ma vorrebbe almeno sapere chi sono gli infiltrati (l'unico indagato in ambito comunale, l'ex Sindaco, si è dimesso e non può più condizionare nessuno, ammesso che la abbia mai fatto); ed in ogni caso la responsabilità sarebbe comunque personale e non dovrebbe ricadere sulla città.
Segretario Cannata, senatrice Padua: forse siamo ancora in tempo per cambiare atteggiamento: ponetevi alla testa della richiesta popolare e il vostro ruolo in città sarà riconosciuto! Altrimenti la città ne trarrà le conseguenze...

Guglielmo Palazzolo