Appuntamenti Pozzallo 26/03/2015 19:31 Notizia letta: 2738 volte

Un convegno sull'autismo a Pozzallo

Dal 2 al 4 aprile
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-03-2015/1427394746-0-un-convegno-sull-autismo-a-pozzallo.jpg&size=484x500c0

Pozzallo - Il 2, il 3 e il 4 aprile, presso spazio Cultura Meno Assenza, nella Sala Convegni, vi sarà il 1° Convegno nazionale sull’autismo, dal titolo “l’Autismo è trattabile! Non ci credi? Ascoltaci!”
L’Associazione culturale e di volontariato “LA STELE DI ROSETTA … autismi e altre meraviglie” di genitori di bambini autistici, in occasione del 2 Aprile, Giornata Mondiale della Consapevolezza dell'Autismo, ha organizzato l’evento con il patrocinio del Comune di Pozzallo, fortemente voluto dalla Prof.ssa Mara Aldrighetti Assessorato ai Servizi Sociali, il patrocinio dell’ASP e dell’Ordine Professionale Assistenti Sociali Regione Sicilia, che tratterà temi come ad esempio servizi sanitari erogati da parte dell’ASP limiti e potenzialità, apertura del centro autismo Piazza Igea Ragusa, servizi pubblici erogati dal Comune criticità e prospettive, inclusione scolastica, terapie abilitative, tossicità ambientale e alimentazione e relative patologie neurologiche, approccio biomedico all’autismo. (23 relatori – crediti formativi e rilascio di attestato di partecipazione)
L'Associazione la Stele di Rosetta mira a realizzare uno SPORTELLO DI ASCOLTO E SUPPORTO ALLE FAMIGLIE”. Lo Sportello, che già esiste virtualmente e telefonicamente e che pertanto necessita di una sede fisica, ospiterà i volontari che, con le loro competenze specifiche in vari ambiti, potranno erogare gratuitamente tutti i servizi connessi all'informazione, alla formazione e al supporto alle famiglie, agli operatori e ai soggetti autistici. Lo Sportello, oltre ad una campagna di informazione finalizzata al riconoscimento dei primi sintomi per il raggiungimento di una diagnosi e di un intervento precoci, darà un aiuto immediato a quelle famiglie che ricevono la diagnosi per i loro figli, fornendo l’orientamento e il supporto psicologico necessario.
Il nome “LA STELE DI ROSETTA” è stato scelto dall'associazione per il significato metaforico solitamente attribuito alla stele (pietra con incisioni) ritrovata in Egitto, nella città di Rosetta (l'odierna Rashid) nel delta del Nilo, grazie alla quale è stato possibile trovare la chiave per decodificare i geroglifici in quanto si trovò inciso lo stesso testo, in greco, egiziano e copto. Pertanto con il termine stele di Rosetta si intende qualsiasi cosa rappresenti la chiave per un processo di decriptazione o traduzione, o per la soluzione di un problema particolarmente difficile. Difficile e complicato come l'autismo moderno e la sua natura multifattoriale.
Principio fondamentale sul quale si basa l'associazione e' proprio l'approccio biomedico all'autismo, la vera stele di Rosetta. Attività tutte tendenti a superare l'equazione secondo cui l'autismo sarebbe malattia incurabile e a dimostrare che, al contrario, essa è una malattia neuro – immuno-metabolica che, se tempestivamente diagnosticata, è sicuramente trattabile;
Pertanto uno degli obiettivi principali è quello di creare un protocollo d’intesa tra ASP, famiglia, Scuola, e Comune per la presa in carico globale ed inoltre sensibilizzare pediatri di base e medici generici per una reale visione della patologia come sommatoria di concause multifattoriali e organiche che possono essere trattate e migliorare così la qualità della vita di questi bambini.

Redazione