Cronaca Ispica 31/03/2015 16:32 Notizia letta: 4019 volte

Tempesta giudiziaria su Rustico, pronto a dimettersi

In caso di rinvio a giudizio.
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/31-03-2015/tempesta-giudiziaria-su-rustico-pronto-a-dimettersi-500.jpg

Ispica - A due mesi dalla scadenza naturale del doppio mandato, il sindaco di Ispica, Piero Rustico, è pronto a dimettersi, investito da una tempesta giudiziaria. 

Un avviso di conclusione indagini è stato notificato dalla Guardia di Finanza. 

“Sono indagato per abuso d’ufficio e falsità ideologica, ma sono ipotesi di reato insussistenti”, dice l'esponente del Nuovo Centrodestra, due volte sindaco. 

“Ho piena consapevolezza – scrive Rustico - dell’assoluta insussistenza di fatti che potrebbero costituire reato a carico non solo del sottoscritto, ma anche delle altre undici persone iscritte nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Ragusa. L’ipotesi accusatoria proposta alla Magistratura dagli uomini della Guardia di Finanza riguarderebbe presunti abusi d’ufficio e falsità ideologiche. In piena coscienza e con assoluta serenità posso affermare che si tratta di ipotesi di reato certamente insussistenti”.

“Per quanto riguarda le ipotesi di abuso d’ufficio sono certamente insussistenti per il semplicissimo fatto che manca del tutto uno degli elementi fondamentali del reato stesso che può commettere solo il pubblico ufficiale che “intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto”. Per quanto riguarda le presunte falsità del bilancio, mi limito solo a dire che il bilancio di un Comune non è un atto formato dal Sindaco, ma viene approvato dai Consiglieri Comunali sulla scorta delle risultanze contabili fornite dai funzionari responsabili dei vari Settori dell’Ente, dipendenti che so bene avere lavorato con grande scrupolo, serietà e disinteresse al servizio del Comune e della intera comunità cittadina. Per quanto attiene alla falsità ideologica ipotizzata in ordine alla richiesta dei fondi di cui al decreto-legge 35/2013 (il provvedimento che ha sbloccato i pagamenti delle pubbliche amministrazioni), non solo rivendico la piena legittimità del mio operato, ma sfido chiunque a censurare il mio agire, finalizzato esclusivamente a tutelare i fornitori del Comune, per quanto loro dovuto, e gli interessi della comunità cittadina che ho il privilegio di servire nel gratificante ruolo che, con una straordinaria messe di voti, nel 2010 mi è stato riaffidato. Altro che ingiusto vantaggio o danno patrimoniale”!

“Da uomo che ha orientato la sua attività professionale principalmente nel campo della giustizia penale – afferma il sindaco di Ispica - non posso non considerare l’avviso di conclusione delle indagini, che verosimilmente mi sarà notificato nei prossimi giorni, quello che effettivamente rappresenta: la possibilità di prendere visione ed estrarre copia di tutti gli atti contenuti nel fascicolo, di presentare memorie, di chiedere al pubblico ministero il compimento di atti di indagine e di essere sentito. Cose che certamente, in tutto quanto necessario e utile, farò nell’interesse e nella tutela di me stesso, ma soprattutto della comunità cittadina che per dieci anni ha avuto un sindaco e una amministrazione mai sfiorati da vicende giudiziarie e che tale deve rimanere. Pur manifestando il mio disappunto per non essere stato mai sentito dalla Polizia Giudiziaria, che ha condotto le indagini sulla scorta delle falsità propalate da “una fonte confidenziale”, che vilmente evita di rivelare la sua identità, esprimo piena fiducia nella Magistratura che dovrà esaminare gli atti.
Dichiaro fin d’ora che se dovesse esserci un rinvio a giudizio, per qualsivoglia ipotesi di reato contestatami nell’esercizio della funzione, mi dimetterò immediatamente, fosse anche un solo giorno prima della naturale scadenza del mio mandato, perché nessuna ombra, anche solo momentanea, possa gravare sulla mia città, che in questi dieci anni ho servito al di sopra di ogni interesse personale con passione, con lealtà e con onestà”.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif