Attualità Ragusa 04/04/2015 10:40 Notizia letta: 2008 volte

Il quotidiano La Sicilia in arabo, per raccontare la strage dei 500

Curata da Franca Antoci
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-04-2015/1428137396-0-il-quotidiano-la-sicilia-in-arabo-per-raccontare-la-strage-dei-500.jpg&size=1228x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-04-2015/1428153324-1-il-quotidiano-la-sicilia-in-arabo-per-raccontare-la-strage-dei-500.jpg&size=357x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-04-2015/1428137396-0-il-quotidiano-la-sicilia-in-arabo-per-raccontare-la-strage-dei-500.jpg&size=1228x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-04-2015/1428153324-1-il-quotidiano-la-sicilia-in-arabo-per-raccontare-la-strage-dei-500.jpg

Ragusa - Oggi, sabato 4 aprile, il quotidiano “La Sicilia” uscirà in edicola con una pagina interamente scritta in arabo allo scopo di favorire l’integrazione e per non dimenticare le quasi quotidiane tragedie del mare dovute ai tanti viaggi della speranza di migliaia di profughi verso le coste siciliane. Franca Antoci è la giornalista della redazione di Ragusa del quotidiano “La Sicila” che, insieme a Fethia Bouhajeb, mediatrice linguistica, e Valentina Maci, giornalista e interprete, ha curato la pagina in arabo che racconta la storia di uno dei soli due sopravvissuti ad una delle più grandi di queste tragedie del mare, quella del 9 settembre 2014 che costò la vita ad almeno 500 persone. E la storia si conclude con un appello lanciato dal sopravvissuto ai suoi connazionali e a tutti gli altri profughi: non acquistate quei viaggi perché comprate la morte.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif