Appuntamenti Modica 12/04/2015 17:37 Notizia letta: 2189 volte

Musei in rete a Modica

Per iniziativa di IngegniCultura
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-04-2015/1428853080-0-musei-in-rete-a-modica.jpg&size=750x500c0

Modica - Con l’approssimarsi della bella stagione IngegniCultura e SI-Moutique, da tempo impegnate alla valorizzazione dell’ampio e copioso patrimonio legato al vissuto, alla memoria, alle tradizioni culturali ed al paesaggio del territorio ibleo, propongono a locali, turisti e visitatori, tramite un ampio programma di fruizione ricco di eventi culturali, siti museali di grande fascino e dal forte richiamo storico ed identitario.
Trattasi del Museo “T. Campailla” sito nell’omonima piazza, attigua a piazza Matteotti, nel cuore del più antico quartiere di Modica il Casale, del Museo diffuso “Mùrika, racconti di pietra” a Modica Alta al Consolo, porta di ingresso alla città vecchia , del Museo dei Viaggiatori in Sicilia a Palazzolo Acreide, un simbolico viaggio per i viaggiatori che in Sicilia vogliono continuare a creare ancora la terra del mito, e del Museo del tessuto, dell’emigrante e della medicina popolare di Canicattini Bagni, per rivivere le testimonianze del passato contadino.
Il Museo “Tommaso Campailla” di Modica vuole rappresentare un viaggio fra storia e medicina
Esso conserva le stufe ed il teatro del medico filosofo, sorge all’interno di un antico stabile del XVI sec. edificato per accogliere il primo ospedale della città, il “Santa Maria della Pietà”, poi divenuto Sifilicomio Campailla e, infine, Ospedale Campailla. Centro di primaria importanza per il trattamento della sifilide sino agli anni Quaranta del secolo scorso ,ove la gente accorreva da ogni dove per beneficiare delle preziose terapie
A Modica Alta ne Le case degli Avi, antica casa fortificata, centro culturale polifunzionale, trovasi il Museo diffuso “Murika, racconti di pietra” per la conservazione etnografica dell’antico abitare e per il recupero e la valorizzazione dell’identità dei luoghi. In esso si celebrano le comunità rurali della Contea di Modica utilizzando come filo conduttore la pietra locale, e le realizzazioni tramite essa, muri, volte, pavimenti , manufatti,arredi nonché il folkore, i tessuti , i mobili, la musica dell’epoca.

Il Museo T. Campailla ed il Museo diffuso “Mùrika, racconti di pietra” , nei mesi di aprile, maggio e giugno, praticheranno i seguenti orari di visita:
Dal lunedì al giovedì dalle ore 16,30 alle ore 18,30, il venerdì ed il sabato apertura antimeridiana dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e pomeridiana dalle 16,30 alle ore 18,30, domenica e festivi dalle ore 10, 00 alle 12,00.
E’ possibile prenotare visite guidate in fasce orarie diverse da quelle indicate telefonando al 338 4873360, al 333 3301656 o al 0932 948089.
E’prevista una rimodulazione degli orari di visita durante il periodo estivo.
L’acquisto dei biglietti può essere effettuato presso le Case degli Avi, sede di IngegniCultura in Via Roma, 53 a Modica Alta o presso il Museo Tommaso Campailla, a Modica bassa in piazza Campailla, attigua a piazza Matteotti
Nelle predette sedi museali è possibile inoltre iscriversi e frequentare corsi brevi tenuti da esperti e rivolti a locali e turisti, partecipare a conversazioni d’arte e d’architettura con visite guidate nei quartieri, ricevere informazioni sui siti culturali , sugli eventi di maggiore interesse della città di Modica e dei dintorni più immediati , sull’ospitalità diffusa e sulla ristorazione diffusa identitaria, fatta di prodotti tipici locali.
A tutti i visitatori dei siti museali predetti saranno fornite gratuitamente due piantine della città di Modica, riportanti una i quartieri storici della Contea, l’altra i percorsi tematici identitari: l’antico archeologico, il tardo gotico medioevale, il barocco, la campagna ed il mare.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg