Cronaca Ispica 17/04/2015 14:50 Notizia letta: 2994 volte

Rumeno perseguita ex moglie a colpi di accetta, arrestato

E' recidivo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-04-2015/1429275074-0-rumeno-perseguita-ex-moglie-arrestato.jpg&size=400x500c0

Ispica - La scorsa notte i Carabinieri della Stazione di Ispica hanno tratto in arresto LUPASCU Dumitru Daniel, classe ‘77, romeno, bracciante agricolo e già noto alle forze dell’ordine.
Intorno alle 23.30 di ieri, il Lupascu si è recato presso l’abitazione dell’ex moglie e, dopo averla minacciata gravemente di morte, la ha aggredita, dapprima verbalmente, poi fisicamente.
Infatti, lo straniero, dopo essersi recato presso la casa dell’ex moglie, le si è scagliato contro e la ha assalita sferrandole alcuni colpi di accetta.
Tuttavia, la donna riusciva momentaneamente a divincolarsi dalla violenta azione dell’uomo e a richiedere soccorso al 112.
Tempestivamente, infatti, sono giunte sul posto due pattuglie dei Carabinieri che hanno sorpreso lo straniero in flagranza di reato e, pertanto, immediatamente lo hanno bloccato nel suo intento violento, riuscendo a disarmarlo e quindi a scongiurare un possibile femminicidio.
Dunque, i militari dell’Arma, dopo aver portato alla calma il Lupescu, lo hanno condotto in caserma e lo hanno dichiarato in stato di arresto con l’accusa di atti persecutori, minaccia aggravata e porto ingiustificato di strumenti atti all’offesa e, al termine delle formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, dott. Marco Rota, è stato condotto presso la casa circondariale di Ragusa.
La donna, molto impaurita dall’ennesimo episodio violento da parte dell’ex marito, è stato tranquillizzata ed assistita dai Carabinieri.
Provvidenziale si è rivelato l’intervento dei Carabinieri che hanno interrotto tempestivamente la condotta aggressiva dell’uomo che, oltretutto, già in passato si era reso responsabile di altri episodi violenti e persecutori ai danni dell’ex moglie e da quest’ultima in parte denunciati.

Redazione