Attualità Scicli 23/04/2015 11:22 Notizia letta: 2066 volte

Scicli? E' rural chic!

Le Dimore del Valentino
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-04-2015/scicli-e--rural-chic-500.jpg

Scicli - Scicli? E' rural chic!. 

La Sicilia che non ti aspetti è in provincia di Ragusa dove benessere, tradizione e cultura danno un volto ricercato e ammaliante al turismo rurale. 

Dalle colline trapuntate dai muretti a secco il paesaggio degrada verso il canale di Sicilia lasciando spazio a dune di sabbia, calette rocciose e villaggi costieri.

Randello e la sua riserva naturale, la Torre di Punta Braccetto e lo “spiaggione” di sabbia e macchia mediterranea lungo 3 km, la Torre degli Scalambri a Punta Secca, borgo marinaro famoso per i set della fiction Il Commissario Montalbano. Queste sono le principali tappe di un percorso da compiere in bicicletta attraverso natura e torri costiere edificate dai normanni nel 1600 che costituivano un sistema di difesa e comunicazione del Regno di Sicilia.

Perdersi tra i borghi di Modica, Scicli e Ragusa, tra chiese, palazzi abbelliti da sculture e balconi rigogliosi è un viaggio attraverso la storia dell’isola: qui l’architettura del tardo-barocco convive con l’eredità culturale di greci, spagnoli, arabi e normanni.

Le tre cittadine sono nella lista dei Patrimoni dell’Umanità Unesco insieme al Val di Noto, grazie agli splendidi centri storici ricostruiti dopo il terremoto del 1693, che ad oggi coniugano la bellezza delle dimore storiche e delle facciate delle chiese con una vivace vita notturna fatta di locali di tendenza e ristoranti stellati che hanno innovato i menù della gastronomia locale.

Tra le vie di Modica e Scicli si svelano reperti e monumenti di tutte le epoche: le mura medievali che hanno resistito al terremoto, le grotte archeologiche delle popolazioni sicule di origine greca, le decorazioni e i rivestimenti interni di ispirazione araba delle chiese.

Durante il percorso, gli odori e i sapori della contea sono una presenza costante: il timo, il fiore di zagara, il finocchietto selvatico, le arance, il cioccolato modicano a base di carruba, la ricotta calda e tutti i piatti a base di ortaggi biologici. Tutti prodotti naturali e a km zero. Alle porte di Modica è possibile anche effettuare un percorso di trekking lungo la Cava d’Ispica, vallata fluviale alle pendici dei Monti Iblei con un enorme patrimonio archeologico. Tredici km di camminata tra alberi di aranci, macchia mediterranea e coltivazioni di ortaggi alla scoperta di eremi, catacombe cristiane, necropoli preistoriche e grotte rupestri. Un viaggio alle radici della storia siciliana, grazie alla guida di archeologi e botanici, con soste in rifugi dove gustare prodotti tipici con un occhio al passato e l’altro al presente.


«Sono tornato in Sicilia per visitare la casa di Montalbano a Punta Secca, la città di Scicli con il Palazzo municipale sede del commissariato di Vigata, l’ex fornace Penna». Toni Arioti è di Palermo ma vive da 20 anni in Belgio, dove ha fondato con Gennaro Bilotta il Tour Operator Emozioni. «I miei clienti cercano proprio questo, vogliono scoprire i luoghi della serie tv. Per questo vorrei organizzare pacchetti a tema per l’estate», ci dice. «La fiction con Luca Zingaretti ha provocato un forte ritorno d’immagine e i miei clienti amano le strutture rustiche che coniugano stile, relax, mare e gastronomia bio», racconta Antonio mentre visita Le dimore del Valentino, agriturismo ricavato da una vecchia masseria. La struttura, oltre a una fattoria didattica, ospita cinque appartamenti arredati con utensili d’epoca e mobilio contemporaneo.

Foto di Sara Gallaro

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg