Attualità Ragusa 27/04/2015 21:38 Notizia letta: 2025 volte

Le opposizioni: Piccitto sfora patto di stabilità

Parlano Sonia Migliore e gli altri
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-04-2015/1430163586-0-le-opposizioni-piccitto-sfoca-patto-di-stabilita.jpg&size=889x500c0

Ragusa - “Da più di un anno denuncio e denunciamo, con i colleghi dell’opposizione, le tante stranezze dei bilanci di questa Amministrazione. Più di una volta ho definito i bilanci, sia del 2013 che del 2014, raffazzonati e gonfiati ad arte, oggi a dirlo non sono più solo io, ma è un revisore dei conti. Un fatto gravissimo che sancisce lo sforamento del Patto di Stabilità”. Lo dichiara Sonia Migliore, che pochi giorni fa ha richiesto tutta la documentazione in merito.

In conferenza stampa era presente tutta l’opposizione: Sonia Migliore, Manuela Nicita, Elisa Marino, Gianluca Morando, Maurizio Tumino, Giuseppe Lo Destro e Giorgio Massari. Mancavano Giorgio Mirabella e Angelo La porta, ma per motivi personali.

“E’ tutto scritto nero su bianco – dichiarano i consiglieri d’opposizione durante la conferenza stampa – e perciò dobbiamo ringraziare la scrupolosità del revisore dei conti De Petro, che il 20 marzo scorso ha richiesto di rivedere il prospetto del preconsuntivo del 2014, strumento fondamentale per la certificazione del rispetto degli obiettivi del Patto di Stabilità”.
Da questo prospetto si deduce che le entrate per il 2014 ammontano a 86 milioni e 34 mila euro, contro i 79.181.000,00 euro, che sono le spese finali. Perciò il saldo finanziario per il 2014 è di 6 milioni 853 mila euro, mentre il saldo obiettivo del Patto di Stabilità, per il 2014, era di 6 milioni 691 mila. Ossia, stando così le cose, l’Amministrazione vanta un margine positivo di 162 mila euro.
Per De Petro il margine è sin troppo sottile, l’errore è dietro l’angolo, teme qualche svista, perciò richiede di revisionare tutto. Anche perché, e lo scrive nero su bianco, ben 12 milioni e 500 mila euro delle entrate correnti accertate, sono certificate. “La cosa sconcertante – dichiarano i consiglieri d’opposizione – è che non solo la richiesta di De Petro è stata ignorata, ed addirittura non gli sono state fornite le carte, ma gli altri due revisori dei conti hanno dichiarato di aver acquisito ulteriore documentazione e perciò accertando il rispetto del Patto di Stabilità, quindi hanno firmato il Certificato; senza consultarlo in alcun modo”.
“Inoltre, all’insaputa di De Petro, gli altri due hanno rilasciato parere favorevole (delibera di Giunta n° 162 del 12 aprile ’15) per 25 nuove assunzioni a tempo determinato e 4 assunzioni a tempo indeterminato per il 2015, mentre per il 2016 sono programmate altre 4 assunzioni a tempo indeterminato. Altro fatto gravissimo, infatti la legge vieta tassativamente di effettuare nuove assunzioni qualora si sia sforato il patto di stabilità. Naturalmente – continuano i consiglieri – invieremo tutti i verbali e la documentazione relativa alla Corte dei Conti, affinché si stabilisca, una volta per tutte, la legalità in Comune”.

“Oggi possiamo dire solo una cosa: l’aumento spropositato delle tasse ed i bilanci gonfiati – dichiara Maurizio Tumino – sono serviti solo ad assumere nuovo personale. 4 dirigenti e 17 funzionari nel 2014, mentre nel 2015 sono ben 29 le nuove assunzioni (3 dirigenti e 26 funzionari). Nel 2014 le posizioni organizzative sono lievitate da 11 a 23. Fra il 2013 ed il 2014 l’Amministrazione ha ingaggiato 9 consulenti, mentre assegnava incarichi a terzi per un totale di 200 mila euro (Paes, Pudm, Rifiuti, OO.PP, esperto per mensa e coordinatore dei volontari), oltre ai 900 mila euro spesi in spettacoli”.

“Questo incontro con la stampa – ha dichiarato Giorgio Massari – ha mostrato tutta la gravità della gestione politico-amministrativa della Giunta Piccitto. Non dimentichiamo – conclude Massari – che questo Comune ha beneficiato di 15 milioni di royalties, grazie ai quali potevanop fare un bilancio più equilibrato, hanno addirittura tolto la Tasi (per un anno) ed oggi ci troviamo ad affrontare una tale situazione. Tutto ciò mostra il limite di questa Amministrazione”.

Redazione