Attualità Santa Croce Camerina 28/04/2015 23:46 Notizia letta: 4 volte

Montalbano? Mangia la caponata

Di Joseph Miceli
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-04-2015/1430257641-0-montalbano-mangia-la-caponata.jpg&size=499x500c0

Santa Croce Camerina - Se un profumo potesse attraversare lo schermo. L'odore della terra, che se lo vedi ha i colori delle primizie che essa genera. I peperoni e i pomodori. E le olive. La caponata, quel caleidoscopio di sapori che è il piatto principe della bruna Sicilia, ha conquistato anche Montalbano. Il commissario, quello che per il mondo sta nella tivù e che a Punta Secca, ogni primavera, passeggia, tra le viuzze e sotto al faro, in spiaggia, sempre sulle gambe dell'attore romano Luca Zingaretti. La lavorazione dei nuovi episodi della fortunata serie televisiva é iniziata lo scorso 20 aprile. E, anche quest'anno come i precedenti, uno dei telefilm più seguiti diventa il contenitore delle immagini della più bella costa Iblea. Ma anche dei suoi simboli, della sua cucina. E’ stata la chance, questa volta, del giovane chef “puntaseccaro doc” Joseph Micieli per esserci, seppur attraverso i fornelli.

“I colori fantastici della della caponata del mio ristorante, Scjabica, sono stati a disposizione della troupe. Non realizziamo piatti di terra, generalmente, anche se siamo benissimo in grado di farli. Ma lo staff di Montalbano ci ha richiesto un bel piatto di scena, potevo rifiutare? No!”. Zingaretti e compagni hanno assaggiato – con ogni probabilità prima che venisse inquadrato dalle telecamere aperte sulla scena a due passi dal mare – anche il pane di San Giuseppe, il pane di diverse e particolari forme simboliche, lavorato e decorato a punta di coltello da mani abili ed esperte, entrato a fare parte del Libro delle celebrazioni del registro dei Beni immateriali della Regione nel 2007. Ne ha voluto fare dono il sindaco Franca Iurato in visita istituzionale a Punta Secca alla troupe che ha omaggiato con il pane “pulito”.

“Assaggiato e apprezzato da tutti – ha scritto il primo cittadino - compreso Luca Zingaretti e il regista Sironi, che ringraziamo assieme alla Palomar e allo scrittore Andrea Camilleri per la ricaduta positiva del loro lavoro nel nostro territorio”.

Il regista Alberto Sironi, lo scenografo Luciano Ricceri e la Palomar, casa produttrice della fiction, hanno scelto le location tra le province di Ragusa e Siracusa, le riprese dovrebbero andare avanti per sette settimane, per arrivare a conclusione entro il mese di giugno. Luca Zingaretti e il resto della troupe sono impegnati a girare le scene relative ai due nuovi inediti episodi di questo 2015.

Alessia Cataudella