Lettere in redazione Scicli 29/04/2015 13:05 Notizia letta: 1817 volte

Megafono: Nel Pd? Il virus di Susino e dei responsabili

Riceviamo e pubblichiamo
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-04-2015/megafono-nel-pd-il-virus-di-susino-e-dei-responsabili-500.jpg

Scicli - Nella piena coerenza con le proprie scelte, volte a trasmettere alla società civile un chiaro segnale di discontinuità, “Il Megafono – Lista Crocetta” a Scicli non parteciperà alle primarie del P.D. in programma venerdì 1 Maggio p.v., indette per la scelta del candidato del Partito Democratico alla carica di Sindaco della Città.
Riteniamo che in ogni caso, a prescindere da chi dei due candidati possa risultare il vincitore, si darebbe di fatto continuità al sistema obsoleto e fortemente contaminato dalle incapacità espresse dalle caste che insistono all'interno dell'apparato, perché rimaste saldamente ancorate dentro un sistema che da noi viene ritenuto come la principale causa del disastro amministrativo di Scicli, oggi percepito da tutti.
Chi a Scicli andrà a votare alle primarie manifesterà apprezzamento nel dare continuità al sistema politico/amministrativo che ha ridotto la nostra città in questo stato di incertezza.
Se a Scicli il Pd non è stato in grado di gestire la vicenda dei propri consiglieri comunali che, contrariamente alle direttive del proprio partito ed aderendo alle politiche disfattiste del pseudo gruppo dei responsabili, amministrativamente andavano a passeggio con il Sindaco, prima indagato e poi rinviato a giudizio per motivi di mafia, oggi non vogliamo immaginare cosa ci spetterebbe se la prossima Amministrazione venisse affidata dai Cittadini di Scicli a queste figure. Tutte persone, queste, rispettabili sotto il profilo umano ma politicamente infettate da un virus che, seppur oramai individuato, sarebbe sempre in grado di propagarsi negativamente, portando avanti la solita metodologia, ormai conosciuta a livelli da far vergognare anche chi detiene solamente il ruolo di spettatore.
Per cui, prendiamo le distanze sia dall'uno che dall'altro schieramento, entrambi da noi ritenuti incapaci, seppur per motivi diversi, di poter sostenere una eventuale guida amministrativa della nostra città.

Carmelo Vanasia