Attualità Roma 04/05/2015 18:55 Notizia letta: 2763 volte

Il vescovo Staglianò: Non sono solo canzonette

Presule canterino
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-05-2015/il-vescovo-stagliano-non-sono-solo-canzonette-500.jpg

Roma - Mons. Staglianò, ospite della trasmissione "Domenica in" del 3 maggio 2015, su RAI 1, intervistato dalla conduttrice Paola Perego, ha parlato della sua ormai celebre abitudine di parlare di Dio ai fedeli, soprattutto ai giovani, usando le parole di canzoni attuali, dei più popolari artisti: da Nek, a Marco Mengoni e Noemi (che gli pure ha inviato un videomessaggio per ringraziarlo). Il Vescovo di Noto ha spiegato come queste canzoni dentro le omelie, rappresentino un nuovo registro comunicativo che serve a mediare il messaggio cristiano, per renderlo più vicino al mondo giovanile, che di fronte a questa iniziativa risponde con entusiasmo e trasporto.
Nella medesima intervista, il Vescovo di Noto ha anche voluto fare da Cicerone, alla scoperta della magnifica Cattedrale di Noto. Mons. Staglianò ha dunque parlato di bellezza: quella dell’arte, quella degli occhi, la bellezza intesa come la intendevano i greci.
“Non c’è bellezza senza bontà” - ha fatto presente il vescovo di Noto - dopo avere svelato che, per le sue omelie, per la scelta delle canzoni da cui prendere spunto, consulta i giovani, da cui si fa segnalare pezzi particolarmente emozionanti. “L’amore è l’unico grembo che genera bellezza”.
Anche passaggi intimi quelli raccontati da Mons. Staglianò, come il racconto della recente perdita del padre. “Mi ha educato alla disciplina - ha detto - e al senso del lavoro. Quando mi sono ‘convertito’ allo studio, non avevo di certo bisogno di essere legato alla sedia. Avevo il pensiero dell’amore di mio padre, che ha fatto tanti sacrifici per la nostra famiglia. Nell’ultimo anno ho pregato perché il Signore lo chiamasse a sé, perché soffriva. Oggi mi manca, ma a volte il dolore ci salva la vita - ha continuato il vescovo di Noto - se ci da il senso dell’umanità. Da quando è morto mio fratello - ha ammesso ancora, parlando con il cuore in mano - percepisco la morte degli altri come fosse la sua, conosco bene quel tipo di dolore. Il dolore è un dono”.
La redazione di “Domenica In” ha anche voluto sentire i fedeli, tutti concordi nel riconoscere che il Vescovo di Noto parla al cuore, in maniera tanto diretta e semplice, quanto efficace. A lui, Paola Perego, ha affidato lo sfogo di una giovane, tormentata da un rapporto particolarmente difficile e doloroso con il padre. Mons. Staglianò ha usato ancora una volta, per darle conforto, le parole di uno spezzone di una canzone di “Nek” (“Se un pianto ci fa nascere, un senso a tutto il male forse c’è. Io sono pronto a vivere, ti guardo e forse so perché. Fatti avanti, amore”). Poi un momento per parlare di felicità, della sua ricerca. “Si compie anche il male per arrivare alla felicità - ha detto il vescovo di Noto- La questione è trovare la via e capire cosa sia. È l’amore, come esperienza vera, in cui mi dono e sono disposto anche a morire per l’altro. Il momento massimo e sommo della felicità di Gesù è stato, non è un caso, donare la sua vita”.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg