Appuntamenti Comiso 14/05/2015 09:46 Notizia letta: 3044 volte

L'Addolorata si svela a Comiso

Venerdì 15
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/14-05-2015/1431589638-0-l-addolorata-si-svela-a-comiso.jpg&size=808x500c0

Comiso - Sono i momenti culminanti della festa. Quelli in cui la devozione si perpetua, rinnovando un patto silente che, anno dopo anno, fortifica e consolida l’anelito verso tappe sempre più elevate sul piano spirituale. Sono vissute in questo modo, dai fedeli, le giornate clou delle solenne celebrazioni in onore di Maria Santissima Addolorata. Celebrazioni che, in questi giorni, si stanno tenendo nella rettoria di San Biagio considerato che la Chiesa Madre è chiusa per restauro. Domani, venerdì 15 maggio, dopo la santa messa delle 19, ci sarà la tradizionale Via Matris. Saranno percorse le seguenti vie: San Biagio, Di Vita, corso Umberto I, Generale Amato, viale della Resistenza. Al rientro nella chiesa di San Biagio, il coro parrocchiale intonerà il canto dello “Stabat Mater”. Sabato, la vigilia della festa di Maria Santissima Addolorata sarà annunciata dallo sparo di salve dal cannone e dal festoso scampanio nei seguenti orari: alle 8, alle 12 e alle 17. La celebrazione eucaristica della mattina si terrà alle 9. Alle 17, il corpo bandistico e le percussioni dei tamburi imperiali di Comiso percorreranno le vie principali della città diffondendo suoni e ritmi di festa. Alle 19 ci sarà il raduno dei fedeli presso l’associazione cattolica Chiesa Madre. Da qui il corteo festoso con la reliquia della Vergine Addolorata, il prezioso manto, la raggiera, le stelle e la spada che ornano la statua della Madonna Addolorata muoverà processionalmente verso la chiesa di San Biagio. Queste le vie che saranno interessate dalla processione: piazza Fonte Diana, Di Vita, corso Umberto I, Generale Amato, viale della Resistenza e quindi l’arrivo in chiesa. Dove, alle 19,30, si terrà il tradizionale momento della Svelata del venerato simulacro della Beata Vergine e sarà contemporaneamente cantato l’inno scritto da mons. Rimmaudo e composto dal maestro Alfio Pulvirenti. A seguire ci sarà la solenne celebrazione eucaristica presieduta dall’arciprete parroco don Innocenzo Mascali. “A causa dei lavori – afferma il vicepresidente del comitato, Mario Tomaselli (il presidente è lo stesso arciprete) – che stanno interessando la Chiesa Madre, abbiamo dovuto, quest’anno, rivedere le modalità operative per quel che riguarda alcuni riti. Ciò non toglie nulla al fascino e alla sacralità di alcuni momenti come la Svelata che contiamo di fare rivivere in maniera suggestiva anche all’interno della chiesa di San Biagio”.

Redazione