Attualità Ragusa 17/05/2015 22:09 Notizia letta: 2181 volte

Che sapore ha la ruggine?

Il romanzo di Irene Savasta
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-05-2015/1431893451-0-che-sapore-ha-la-ruggine.jpg&size=533x500c0

Ragusa - Sono stati presentati venerdì 15 maggio presso la Photogallery di Giuseppe Leone a Ragusa, i romanzi d’esordio di Mattia Conti Guglia e Irene Savasta, rispettivamente ”Il battito del destino” e “Il sapore della ruggine”, editi entrambi da Prova d’Autore. Giovani autori a confronto: Mattia Conti Guglia, catanese, esordisce con un romanzo in cui a spiccare fortemente è la figura della donna, rappresentata in tutte le sue sfaccettature. Valori, positività e importanza delle relazioni uomo-donna: questi i temi portanti del romanzo “Il battito del destino” di Conti Guglia che, durante il suo intervento, dichiara: “Ritengo che la figura della donna sia di importanza capitale in tutta la vita di un uomo. Il mio è un romanzo fatto di personaggi fortemente propositivi”. Ha presentato il romanzo di Conti Guglia la dottoressa Roberta Musumeci. Antitetico, da questo punto di vista, il romanzo di Irene Savasta, giornalista chiaramontana: “Il sapore della ruggine”, infatti, è un romanzo d’introspezione psicologica in cui a predominare è la figura di un uomo che si lascia vivere. Ha presentato il romanzo di Savasta la dottoressa Giulia Sottile, presidente del gruppo C.I.A.I. (convergenze intellettuali e artistiche italiane) e curatrice del saggio introduttivo. Al centro della vicenda de “Il sapore della ruggine”, infatti, una colpa, vera o presunta del protagonista e il fallimento di tutte le relazioni interpersonali che intreccia durante la vicenda. Brani tratti dai romanzi sono stati letti dal cantautore Francesco Foti. Oltre agli autori e ai relatori, è intervenuto anche il direttore della casa editrice catanese, Mario Grasso, che ha parlato del rapporto fra i giovani e la letteratura. Un saluto particolarmente caloroso è stato portato anche dal padrone di casa, il fotografo Giuseppe Leone.

Redazione