Attualità Ragusa

Marina di Ragusa. Il lunedì una unica grande discarica

La pulizia della seconda casa...

Ragusa - Il lunedì mattina Marina di Ragusa cambia volto. Completamente, del tutto, diviene irriconoscibile. Colpa dei ragusani.
Accade infatti che nel finesettimana, e in specialmodo in questa ormai avviata e consolidata (ma non doveva esserci la tempesta?) primavera iblea, i proprietari di seconde case in quella che per molti rimane ancora Mazzarelli, si dedicano alle “pulizie”. Puliscono i giardini, giardinetti, parchi con piscina. E puliscono anche le case, chiuse per i nove mesi dell’inverno, umido e salmastro, tipico delle case in riva al mare che chiudono le persiane a settembre (i più tradizionalisti il 27, al massimo il 28 agosto, San Giovanni incombe!) per riaprire solo adesso.
Queste grandi pulizie comportano, inevitabilmente, grandi quantità di immondizia. Di ogni tipo. Come si vede – per quanto la qualità sia pessima – dalla foto scattata lunedì 18 maggio nelle prime ore della giornata, accanto ai cassonetti strapieni ci sono enormi e numerosi sacchi neri, e poi frascame di ogni tipo proveniente dalle necessarie potature, e per gradire anche un materasso a due piazze e mezza (in estate c’è caldo, e chi può preferisce avere accanto il proprio partner, ma non propriamente attaccato).
Appare evidente che non si può impedire ai ragusani (continuo a dare la colpa ai miei concittadini per l’evidente motivo che di cento case, a Marina, oltre novanta sono di proprietà di ragusani, ma quell’immondizia, è chiaro, è prodotta anche da altri, “forestieri” latu sensu) di fare pulizia in casa e nel giardino. Si può invece, anzi si deve, chiedere di rispettare le regole, che impongono per alcune tipologie di rifiuti precise giornate per il loro conferimento.
A chi amministra questa città che fu civile, dobbiamo ricordare che le regole vanno applicate e poi anche fatte rispettare e, nel caso ci sia qualcuno (o moltissimi, come è il caso in parola), che quelle regole non le rispetta, allora è necessario l’intervento della autorità. Almeno per quanto rimane di maggio e per tutto giugno, chè poi a luglio e agosto Mazzarelli sarà il solito infernale pandemonio dove rispettare le regole diviene impresa ardua.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif