Cultura Modica 25/05/2015 20:06 Notizia letta: 2839 volte

La verità della linea di Piero Guccione

L’onda e la luna
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-05-2015/1432577257-0-la-verita-della-linea-di-piero-guccione.jpg&size=736x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-05-2015/1432577579-1-la-verita-della-linea-di-piero-guccione.jpg&size=359x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-05-2015/1432577257-0-la-verita-della-linea-di-piero-guccione.jpg&size=736x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-05-2015/1432577579-1-la-verita-della-linea-di-piero-guccione.jpg

Modica - Guardo L’onda e la luna, uno degli olî di Piero Guccione che non conoscevo e che una nuova mostra modicana mi rivela. E penso alle tante anime di questo pittore, così misterioso nella sua apparente leggibilità, capace di fondere, come ci ha ricordato Pietro Citati, “allo stesso modo la densità e l’evanescenza”. Mentre tallona coraggiosamente Turner sulla via della dissoluzione del colore in pura luce ma anche mentre traccia con mano sicura quella “verità della linea” di cui scrisse Leonardo Sciascia.

L’onda e la luna è una nuova tappa nel percorso del Guccione cercatore di luce, che ha saputo (e voluto) donarci, in tanti anni felici, i frutti della sua contemplazione, della sua meditazione: come quell’altro grandissimo poeta, “in purissimo azzurro”. E tuttavia c’è uno scarto, mi sembra – e guai se uno scarto non ci fosse! D’altra parte, cos’altro possiamo chiedere agli artisti, ai poeti, se non un punto di vista sghembo, paradossale, leggero e vagante? Un’alternativa, in soldoni, rispetto alle cose serie, immobili, pesanti e frontali che ingombrano la nostra vita, in quest’altra presente età, che in conoscenza ed in civil costume sembra tutte avanzar.

Certo, nel maestro dei d’après il punto di vista sghembo è inevitabile. Tanto più se anche l’Onda e la luna ci si presenta, in apparenza, come un altro momento di lunare compostezza, pienezza, integrità. Se non ci fosse, appunto, l’onda a creare uno scarto: a incrinare, con bianca e spumosa invadenza, lo spazio nettamente definito della spiaggia. Quest’onda, sembra dirci Guccione, ci riguarda da vicino: non è la Piccola onda, più distante, rossiccia, laterale ma estranea; è un’onda in arrivo che, nella perenne indifferenza della luna lontana, penetra nei nostri spazi, chiede udienza alle nostre vite. Non è la sola, a dire il vero, oggi, qui nel Mediterraneo.

Giuseppe Traina
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif