Attualità Modica 27/05/2015 20:10 Notizia letta: 4150 volte

Lo scandalo degli scuolabus a Rosolini e Modica

Il cronotachigrafo
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-05-2015/lo-scandalo-degli-scuolabus-a-rosolini-e-modica-500.jpg

Modica - L'antefatto. In Sicilia esiste una legge molto restrittiva per avere le licenze per circolare con gli autobus. Fatta la legge, trovato l'inganno.

Alcune ditte si sono fatte rilasciare le licenze da altre regioni dove tutto è moto più facile, dopodichè vengono a svolgere il servzio in Sicilia, indicando una sede finta in Veneto o in Calabria.

Tuttavia, la legge prevede che se si ha la licenza in Calabria i mezzi possono circolare in Calabria, e comunque nel dischetto che va messo sul cronotachigrafo del bus bisogna indicare l'orario di partenza dal deposito veneto o calabrese.

Le aziende dei pullman di Modica e della provincia di Ragusa in generale si ribellano alle regole e alle procedure di affidamento del servizio di trasporto che riguarda il Comune di Modica e di Rosolini.  

"Nei territori del ragusano e del siracusano – denunciano cinque azinde iblee– assistiamo oggi a un proliferare di aziende nuove di noleggio pullman autorizzate all’esercizio da altre Regioni non siciliane, alle quali si contrappone una tendenza assolutamente negativa riguardante la nascita di nuove aziende con autorizzazioni rilasciate dalla Regione Sicilia. Constatiamo anche come le prime riescano a incrementare celermente il proprio parco macchine, mentre le seconde a fatica riescono a stare sul mercato e rischiano ogni giorno la chiusura dell’attività. In questo caso la differenza è dovuta principalmente alla diversità dei regolamenti applicati che sono stati emanati da Regioni diverse a totale vantaggio degli operatori con autorizzazioni extra-siciliane soggetti a controlli meno rigidi. Tali aziende furbette continuano ad operare tranquillamente in Sicilia tra l’indifferenza delle Istituzioni e la mancanza di controlli seri da parte delle forze dell’ordine, se è vero che recentemente una di queste aziende ha partecipato e vinto la gara di appalto triennale di importo pari a 1.230.000 euro indetta dal Comune di Modica (e la stessa azienda ha vinto un’altra gara di durata triennale indetta dal Comune di Rosolini). Ai colleghi ‘furbetti’ diciamo che la legalità non è una bella parola da mettere in mostra o un concetto astratto da incardinare in frasi ad effetto costruite allo scopo di difendere i propri interessi, non è un vestito che puoi mettere o togliere quando vuoi. Le istituzioni ci dicano chiaramente se tale prassi, che noi riteniamo irregolare, è una strada percorribile e non sanzionabile, perché se così fosse conviene vivere nella illegalità". 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg