Cronaca Modica 29/05/2015 11:55 Notizia letta: 3401 volte

Scoperto pedofilo che abusava di bimba immigrata

Scoperto dalla Polizia
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-05-2015/scoperto-pedofilo-che-abusava-di-bimba-immigrata-500.jpg

Modica - Abusi sessuali in danno di una bambina di sette anni. Ieri sera gli agenti del Commissariato di Modica hanno arrestato un anziano 83enne, residente in Via Loreto, che avrebbe abusato della bambina ripetutamente, all’interno di un pollaio adiacente la propria abitazione. La ragazzina è rumena e pare venisse accompagnata dall’uomo dalla nonna (ma questo è ancora da stabilire). La polizia allarmata da giorni da questa situazione aveva collocato alcune telecamere nella zona che hanno confermato i sospetti.

Ieri sera, la polizia ha eseguito l’ordinanza cautelare del Gip, Giovanni Giampiccolo, nei confronti di G.G., per aver compiuto atti sessuali in danno di una bimba.
Le indagini della Polizia avevano avuto inizio alla fine del mese di aprile a seguito di alcune segnalazioni che indicavano una sospetta condotta di un anziano in un quartiere di Modica Alta.

L'anziano era stato notato in più occasioni intrattenersi con una bimba, tenendola per mano e conducendola in luoghi appartati o all’interno della propria abitazione.
A seguito di tale segnalazione, la Polizia avviava una meticolosa quanto tempestiva attività di indagine, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica, Monica Monego.
Nell’attività investigativa svolta dal Commissariato di Modica veniva coinvolta, oltre l’indagato, anche una famiglia rumena composta di sole donne le quali avevo consentito alla minore, di frequentare l’uomo. Questi, approfittando dello stato di bisogno della famiglia, il cui unico sostentamento è l’attività di badante svolta saltuariamente da alcune di esse, aveva iniziato già da qualche mese a frequentare la bambina offrendole leccornie e cibo per i familiari.
A conclusione delle indagini, per quanto emerso dalle stesse e in ragione dei precedenti specifici dell’anziano che già nel 1989 era stato condannato per fatti analoghi, commessi in altra regione d’Italia, a carico di G. G. veniva emessa Ordinanza di Custodia Cautelare che, in ragione dell’età, veniva condotto in regime di arresti domiciliari presso l’abitazione di Modica, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Redazione