Attualità Modica 03/06/2015 22:56 Notizia letta: 1519 volte

Lezione conclusiva sulla storia di Modica nell'Ottocento

Alla Fondazione Grimaldi
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-06-2015/1433365049-0-lezione-conclusiva-sulla-storia-di-modica-nell-ottocento.jpg&size=463x500c0

Modica - Sabato 6 giugno alle ore 18.30 a Palazzo Grimaldi lo storico Giuseppe Barone terrà una lezione dal titolo “Dalla crescita alla crisi (1880-1890). L'associazionismo e la questione sociale”, che concluderà il ciclo di incontri sulla storia di Modica nell'Ottocento e nel Novecento, organizzato dalla Fondazione Giovan Pietro Grimaldi e dalla locale sezione dell'Unitre. Introdurrà il presidente dell'Unitre Rinaldo Stracquadanio.

Lo storico dell'università di Catania parlerà dell'espansione economica e della successiva recessione che si susseguirono nell'ultimo scorcio del XIX secolo, nonché dei rispettivi riflessi sociali e politici. Il relatore ricostruirà, in particolare, le dinamiche espansive del decennio Settanta-Ottanta caratterizzate dall'exploit delle esportazioni agricole, dall'istituzione di banche locali, ma anche dalla nascita delle società operaie di mutuo soccorso (tra cui la “Carlo Papa”, tuttora esistente) e dalle conseguenze della riforma elettorale.

La diffusione della fillossera, l'afide che annientava i vigneti, segnò un'inversione di rotta nel ciclo economico. Drammatiche le ripercussioni sociali in tutta l'isola. Tra il 1892 e il 1893 esplosero anche a Modica violente manifestazioni di protesta da parte di lavoratori, braccianti agricoli, contadini, operai e artigiani, che rivendicavano migliori condizioni di vita e di lavoro. La mobilitazione sfociò nella costituzione dei Fasci siciliani dei lavoratori (ben due quelli sorti a Modica), un movimento di massa che rivendicava riforme d'ispirazione democratica e sociale. Contro di esso si abbatté la dura repressione militare del governo Crispi.

L'esasperazione sociale portò a una serie di scontri di piazza con i Reali carabinieri. Come quello del febbraio 1897, nel quale persero la vita cinque popolani e un centinaio rimasero feriti. Un episodio, questo, rimasto finora sepolto tra le pieghe della Storia e venuto alla luce grazie a un inedito diario dell'epoca.

L'iniziativa, che ha riscosso uno straordinario successo di pubblico, riprenderà con il nuovo anno sociale dell'Unitre con un secondo ciclo di lezioni dedicate al Novecento.

Redazione