Economia Ragusa 16/06/2015 14:48 Notizia letta: 3634 volte

Trivelle a Ragusa, comunque vada è sempre un regalo

Il si tecnico è un no politico
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2015/1434458959-0-trivelle-a-ragusa-comunque-vada-e-sempre-un-regalo.jpg&size=906x500c0

Ragusa - E' stata concessa ieri sera l’autorizzazione edilizia per portare le trivelle in contrada Buglia Sottana, a Ragusa. A dire il vero già da ore e da più parti arrivavano notizie di un matrimonio già celebrato tra il Comune di Ragusa e la società Irminio.
O meglio, “l’unione civile tra il movimento cinque stelle di Federico Piccitto e i petrolieri di Irminio” aspetteva solo la pubblicazione dell’atto, l’ufficialità. Una semplice formalità, dunque.
Ma anche no. Perché il sindaco di Ragusa avrebbe potuto anche decidere per il Niet! al petrolio nuovo, mantenendo, di fatto, le prebende che arrivano dai vecchi giacimenti.
Grazie al Sì, il petrolio a Ragusa arriva per un colpo di burocrazia. Ma se oggi la decisione fosse stata anche per il No, il petrolio sarebbe negato a Ragusa per scelta di partito.
Nella Piccittolandia a cinque stelle non si capisce un tubo. Infatti si va avanti a colpi di periodi ipotetici. Algoritmi, per gli ingegneri.
Fatto sta che il Sindaco più amato dai ragusani oggi regala alcuni milioni di euro alla collettività, sotto forma di royalties in caso di ritrovamento di petrolio, decidendo per il sì alle trivelle di Irminio, e sanando in questo modo la frattura con l’opinione pubblica dovuta all’aumento Istat della busta paga sua e della giunta. Ai ragusani, del petrolio, non frega una beata stella. Però alle royalties ci tengono eccome.
Così come, decidendo per il No al petrolio, Piccitto avrebbe regalato alla città di Ragusa una landa desolata in contrada Buglia Sottana e l’onere di sostenere le spese legali per il ricorso naturale di Irminio verso il suo atto politico.
Un regalo, in entrambi i casi.
Tutto girerebbe attorno al Sì “tecnico” al petrolio. Un sì da furbetto del quartierino. Un Sì che il sindaco potrebbe sempre pubblicizzare e spendere come un NO! Un sì mascherato di NO!
Come dire: oltre ogni Sì della burocrazia si nasconderebbe il NO dei cittadini a cinque stelle!
L'enunciato del Sì "tecnico" che diventa No "politico" viene difficile pure a scriverlo. Ve lo assicuriamo.
Ma Piccitto, si sa, è un Sindaco che va oltre. Oltre ogni ipotesi e oltre ogni impegno politico con Ragusa e coi ragusani che l’hanno votato a valanga appena due anni fa. Oltre il programma suo elettorale. Oltre ogni consumo del territorio diverso da zero. Oltre. Perchè oltre tutto c'è il petrolio. Oltre ci sono le royalties. Oltre ci stanno Eni e Irminio e Edison. Oltre, però, ci starebbe pure il movimento cinque stelle che l’ha favorito per la sua corsa a sindaco nella città capoluogo, con un lavoro di partecipazione e di costruzione della credibilità elettorale partito dal basso e che non necessita, oggi, di improbabili, opportuniste e strumentali decisioni, ma deve essere legato a prospettive concrete per la città e, soprattutto, mosso da quella lealtà politica percorribile, genuina, che i ragusani hanno giudicato in modo positivo appena due anni fa.

Redazione