Cronaca Vittoria 25/06/2015 15:01 Notizia letta: 6083 volte

Condannata una banca dopo denuncia di un vittoriese

"Stornò fondi per ripianare debiti"
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-06-2015/condannata-una-banca-dopo-denuncia-di-un-vittoriese-500.jpg

Vittoria - La banca non può prelevare fondi da un conto per ripianare debiti dello stesso cliente senza l'autorizzazione del titolare. Lo ha sancito l'Arbitro bancario finanziario che ha disposto il reintegro dei soldi stornati e una sanzione per l'istituto di credito. I fatti riguardano un imprenditore agricolo di Vittoria che aveva un conto corrente, un mutuo in regolare ammortamento e un piccolo deposito di titoli e che da un giorno all'altro si è trovato con fido revocato e con i titoli svenduti ed incamerati dalla banca, con richiesta di rientro dell'intero importo del mutuo, perché garante di una società agricola in sofferenza, con danni per oltre 50 mila euro.

L'agricoltore si è rivolto ai legali dello Sportello tutela credito che hanno presentato ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario contestando alla banca l'illegittimità del comportamento. Il collegio giudicante ha riconosciuto la responsabilità dell'istituto sottolineando che non era legittimata ad operare alcun addebito nel conto corrente e ritenendo tale comportamento come "una indebita appropriazione di una somma disponibile"(dec. 4484/15). L'imprenditore ha annunciato una richiesta danni per centomila euro.

Redazione