Appuntamenti Scicli 07/07/2015 12:47 Notizia letta: 3258 volte

A Scicli il libro sul giudice più scortato d'Italia

Il 6 agosto
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-07-2015/a-scicli-il-libro-sul-giudice-piu-scortato-d-italia-500.jpg

Scicli - Il movimento culturale "Vitaliano Brancati",in collaborazione con la libreria Giunti al Punto di Ragusa, presenta:
"Collusi", di Nino Di Matteo e Salvo Palazzolo (Bur). Dialoga con il giornalista Salvo Palazzolo, Giuseppe Pitrolo.

Giovedì 6 agosto alle ore 21.30, Scicli, Cortile dell'Opera Pia Carpentieri, via F.M. Penna. 

PERCHÉ POLITICI, UOMINI DELLE ISTITUZIONI E MANAGER CONTINUANO A TRATTARE CON LA MAFIA.

Da oltre vent’anni Nino Di Matteo è in prima linea nella lotta a Cosa nostra. Titolare di un’inchiesta che fa paura a tanti – quella sulla trattativa Stato-mafia, che si sviluppa nel solco del lavoro di Chinnici, Falcone e Borsellino – è lui il magistrato più a rischio del nostro Paese. Le indagini che ha diretto e continua a dirigere, ritenute scomode persino da alcuni uomini delle istituzioni, lo hanno reso il bersaglio numero uno dei boss più influenti: Totò Riina e Matteo Messina Denaro. Le parole del pm, raccolte dal giornalista Salvo Palazzolo, offrono una testimonianza diretta e autorevole sulle strade più efficaci per contrastare lo strapotere dei clan. E lanciano un grido d’allarme: Cosa nostra non è sconfitta, ha solo cambiato faccia. È passata dal tritolo alle frequentazioni nei salotti buoni, facendosi più insidiosa che mai; anche se le bombe tacciono, il dialogo continua: tra politica, lobby, imprenditoria e logge massoniche si moltiplicano i luoghi franchi in cui lo Stato è assente. Con una semplicità unica, Di Matteo condivide con il lettore la propria profonda comprensione del fenomeno mafioso di oggi. Così, tra denunce e proposte, questo libro permette di gettare uno sguardo ai meccanismi con cui Cosa nostra si è insinuata nelle logiche economiche, sociali e politiche del nostro Paese. Un’opera che si rivolge a tutti, perché è dalle azioni di ciascuno che deve partire il contrasto alla criminalità. Per non arrenderci a un futuro in cui mafia e sistema-Paese siano una cosa sola.

Salvo Palazzolo (Palermo, 1970), giornalista del quotidiano “la Repubblica”, vive e lavora a Palermo, dove da anni si occupa di mafia. È autore di diversi libri su Cosa nostra.

Redazione