Appuntamenti Ragusa 10/07/2015 16:25 Notizia letta: 2762 volte

Anche a Ragusa ora fanno il jazz

Dal 24 al 26 luglio
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-07-2015/1436538368-0-anche-a-ragusa-ora-fanno-il-jazz.jpg&size=318x500c0

Ragusa - Ragusa Eco Jazz Happening, questo il nome della prima edizione del festival jazz che avrà luogo a Ragusa Ibla dal 24 al 26 luglio prossimi.
Quattro piazze, quattro concerti al giorno, più le jam session, animeranno le vie dell’antico borgo barocco, che in quel fine settimana si tramuterà in un vero e proprio villaggio del jazz.

Si inizia sin dalla mattina a parlare di jazz, con i due workshop dei percorsi seminariali sulla fotografia ed il jazz, a cura di Guido Gaudioso, e l’altro sulla musica jazz, a cura del sassofonista Carlo Cattano, che si svilupperanno durante la tre giorni presso la chiesa di Santa Teresa a Ibla. Alle 19 il festival entra nel vivo con le sonorità degli artisti ospiti del Festival, che echeggeranno ogni giorno a Piazza Duomo, piazza Pola, piazza G. B. Hodierna e piazza Chiaramonte.

9 band e 13 artisti di fama internazionale si alterneranno sui palchi dell’Eco Jazz Happening, in un’atmosfera ricca di suoni, colori e sapori, grazie anche alle degustazioni di prodotti tipici locali a km0.
L’inizio è fissato per venerdì 24 luglio, con il fremito compositivo e la spiccata sensibilità per l’improvvisazione del trio MED RITA MARCOTULLI, PETER ERSKINE E PALLE DANIELSSON. Un onore per l’Organizzazione del festival riuscire ad ospitare, nella sua prima edizione, un’icona del jazz mondiale come il batterista PETER ERSKINE. Ma non solo, tra gli altri spicca il trombettista e compositore DINO RUBINO. Rubino fu definito dalla critica un enfant prodige, etichetta che non ha mai amato proprio perché non crede nell’esistenza del genio bambino, in ogni caso, oggi, Rubino è una stella indiscussa del panorama jazzistico internazionale. Il 26 luglio sarà la volta di un altro grande trombettista ossia STJEPKO GUT. Parlando di lui, Chuck Israel, mostro sacro del jazz, disse: “Tutto è perfetto nel suo modo di suonare: l’intonazione, il timbro, il ritmo, il linguaggio, l’improvvisazione jazz”. Questi solo alcuni dei nomi…

Il Ragusa Eco Jazz Happening è tutto questo, ma è anche tanto altro ancora! Gli organizzatori del Festival, da sempre sensibili alle tematiche ambientaliste, hanno deciso, in accordo con l’Assessorato all'Ambiente del Comune di Ragusa, di riproporre l’esperienza del Festival “Territorio Zero”. Piazza G. B. Hodierna, quindi, durante quel fine settimana, diverrà un’isola della mobilità sostenibile. Con una esposizione permanente di auto e bici elettriche. Un team di esperti sarà a disposizione dei presenti per spiegare le caratteristiche dei veicoli; i quali potranno anche essere provati da chi ne vorrà saggiare le prestazioni. All’interno dell’Auditorium della San Vincenzo Ferreri, invece, la Cappello Group, in sinergia con l’Organizzazione del Festival, allestirà una mostra fotografica per i suoi primi cinquant’anni di attività, dal titolo a “Regola d’Arte”, mostra che verrà inaugurata il prossimo 19 luglio e raggiungerà il suo clou nell’ultima giornata del festival.

Redazione