Attualità Scicli 18/07/2015 11:48 Notizia letta: 3058 volte

La festa della Madonna a cavallo? E' costata 8 mila euro

Scesa dal ciel a miracol mostrare
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-07-2015/la-festa-della-madonna-a-cavallo-e--costata-8-mila-euro-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-07-2015/1437213243-1-la-festa-della-madonna-a-cavallo-e--costata-8-mila-euro.jpg&size=750x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-07-2015/la-festa-della-madonna-a-cavallo-e--costata-8-mila-euro-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-07-2015/1437213243-1-la-festa-della-madonna-a-cavallo-e--costata-8-mila-euro.jpg

Scicli - La notizia è che anche quest’anno, nonostante il commissariamento, ha vinto la Madonna, che ha difeso i Normanni e gli sciclitani dall’invasione saracena.
L’altra notizia è che la festa dell’unica Madonna guerriera della cristianità è costata 8 mila 435 euro. Una cifra non paragonabile alle decine di migliaia di euro spese fino a qualche anno fa grazie all’ineffabile Regione Siciliana.
E’ accaduto, a partire dall’ultimo lustro, che la Regione abbia promesso una compartecipazione del cinquanta per cento ai Comuni che investissero in manifestazioni turistiche di rilievo. I Comuni siciliani, e Scicli fra questi, sono stati incentivati a investire sapendo che il cinquanta per cento dei costi sarebbe stato coperto dalla Regione. Peccato che l’assessorato regionale al turismo, travolto dal noto scandalo della scorsa legislatura, abbia bloccato l’erogazione di tutti i finanziamenti, ragion per cui Scicli si è trovata ad anticipare spese per decine di migliaia di euro senza recuperare mai le somme.
Quest’anno, a causa dei due cambi di amministrazione, prima il commissariamento con Trombadore e poi con la commissione ministeriale, la festa della Madonna delle Milizie ha subito due rinvii e il cambio di location.
Da piazza Italia a San Bartolomeo. L’attesa è stata grande, perché quando si tocca la tradizione tutti sono pronti a dire la propria. E così è stato.
La location ha funzionato, meno bene la visibilità, vista la scarsa pendenza della strada e un palco poco alto e troppo laterale, che hanno impedito a molti di vedere la sacra rappresentazione della battaglia di sciclitani e normanni alleati contro i mori, infedeli invasori, scacciati infine dall’intervento salvifico di Maria.
Non c’era la Stanbul, la nave dei turchi, in cartapesta; si è risolto col video mapping, ovvero la proiezione di alcune immagini sulla facciata della chiesa, come in un film o in un cartone animato. E bisogna dire che l’effetto speciale non è spiaciuto.

Infine, i costi, sostenuti dal Comune. Un record. Appena 8 mila euro, a fronte di costi ben superiori sostenuti negli anni precedenti. Il cambio di data? Non ha nociuto. I locali pubblici hanno lavorato fino a notte fonda, come neanche nei giorni precedenti il ferragosto. Almeno una battaglia è stata vinta.

La Sicilia

Foto Gianni Mania

Franca Antoci
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg