Cronaca Ragusa 21/07/2015 10:46 Notizia letta: 6037 volte

Beni per 400 mila euro sequestrati a noto legale ibleo

Un milione 800 mila euro di compensi non dichiarati
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-07-2015/1437468409-0-beni-per-400-mila-euro-sequestrati-a-noto-imprenditore-ibleo.jpg&size=751x500c0

Ragusa - I finanzieri del comando provinciale di Ragusa, il 14 luglio, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo per equivalente di beni per un valore complessivo di 400 mila euro nei confronti di un noto legale ibleo, reo di una rilevante frode fiscale nell’esercizio della professione.

Il provvedimento, emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di ragusa dr. Andrea Reale su richiesta del sostituto procuratore della repubblica, dr.ssa Valentina Botti, è stato eseguito dagli uomini della compagnia di Ragusa, nei confronti del rappresentante legale di uno studio legale associato ragusano ritenuto responsabile di ingente evasione fiscale, accertata a seguito di attivita' di verifica eseguita dalle stesse fiamme gialle riguardanti le annualita’ d’imposta 2011/2012 e 2013.

In particolare, al professionista, i militari hanno contestato l’infedele presentazione delle dichiarazioni modello unico per societa’ di persone per le annualita’ 2011/2013, per avere omesso di indicare nelle stesse elementi attivi (corrispettivi di prestazioni professionali non dichiarate) per circa 1.800.000,00 euro desunti dalle operazioni di versamento effettuate su c/c non giustificate.

Inoltre, al fine di rendere inefficace la pretesa erariale, gli accertamenti della guardia di finanza hanno anche rivelato che il professionista rappresentante legale dello studio legale associato, sottoposto ad accertamenti fiscali, nel tentativo di sfuggire alle responsabilita' penali e fiscali, aveva deliberatamente cessato l’attivita’ professionale in data 30.04.2014, ma continuato di fatto a svolgere la professione con una nuova partita iva e con nuovi associati.

Redazione