Attualità Comiso 24/07/2015 21:42 Notizia letta: 4211 volte

La guerra dei taxi, all'aeroporto di Comiso

Regolamentazione contestata
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/24-07-2015/la-guerra-dei-taxi-all-aeroporto-di-comiso-500.jpg

Comiso - I sindaci di Ragusa, Vittoria e Chiaramonte Gulfi schierati apertamente contro il sindaco di Comiso, Filippo Spataro, sul servizio taxi all’aeroporto Pio La Torre. Il “j’accuse” arriva stamani tramite una nota stampa: “Non più Aeroporto degli Iblei ma Aeroporto della Città di Comiso, visto che ogni decisione sull'aeroscalo viene assunta unilateralmente dal Comune di Comiso”. E' questo il duro commento dei tre sindaci in merito alla regolamentazione degli spazi da destinare a Taxi ed Ncc all'interno dell'Aeroporto di Comiso. Nella nota congiunta, infatti, si legge: “Il Comune di Comiso ha assunto una decisione unilaterale mediante l’ordinanza sindacale n. 45 del 1° luglio 2015. Una scelta improvvisa ed improvvida, considerando i numerosi incontri avuti nei mesi scorsi sull'argomento e i nostri sforzi tesi a definire una soluzione condivisa con il Comune di Comiso in grado di soddisfare le legittime richieste di tutti i territori coinvolti. A cosa è servito, quindi, il coinvolgimento, se la decisione finale assunta non lascia spazio ad alcun confronto? A questo punto, si può legittimamente ritenere che l’impossibilità di raggiungere un accordo condiviso tra tutti gli attori coinvolti, faccia comodo al comune di Comiso che nelle more decide a suo piacimento calpestando così le esigenze di un intero territorio. Siamo in presenza di una decisione che nei fatti ha aperto una frattura profonda nello spirito di condivisione e collaborazione che, da sempre, abbiamo portato avanti nell'area iblea. Il dialogo, lo ricordiamo al Sindaco di Comiso, non può essere interrotto a piacimento: traiamo le conseguenze, dunque, di questo improvviso cambio di rotta”. Quali siano le conseguenze tratte, però, al momento non si sa. S’intuisce, comunque, che i rapporti siano particolarmente tesi e, addirittura, si paventano soluzioni drastiche: ““Al di là dell'aspetto specifico dispiace constatare come la posizione del Comune di Comiso rischi di compromettere, alla base, il rapporto di collaborazione e di condivisione intrapreso su diversi altri fronti tra le città dell'area iblea”. I Sindaci dei tre comuni, in particolare, contestano una decisione che è stata assunta, oltre che senza una necessaria sintesi politica in grado di assicurare agli operatori di Ragusa, Vittoria e Chiaramonte Gulfi di poter svolgere il servizio liberamente, anche in contrasto con quanto previsto dal D.lgs n. 422/97, che disciplina i collegamenti taxi ed NCC all'interno degli aeroporti. Per questo, essendo pubblicata tale ordinanza, ciascuno dei Sindaci si attiverà a tutela degli interessi di ciascuna delle città amministrate.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg