Appuntamenti Chiaramonte Gulfi 28/07/2015 12:54 Notizia letta: 133 volte

Una residenza d'artista a Chiaramonte

Alter
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-07-2015/1438080978-0-una-residenza-d-artista-a-chiaramonte.jpg&size=750x500c0

Chiaramonte Gulfi - Gli artisti del progetto “Alter” hanno incontrato i custodi dei saperi chiaramontani e hanno preso residenza all’interno della cittadina montana. Comincia ad entrare nel vivo il progetto “Alter – voci di luce e terra” vedrà il momento di massimo splendore nei giorni 31 luglio, 1 agosto e 2 agosto. Chiaramonte, infatti, secondo le intenzioni degli organizzatori, si trasformerà in un teatro vivo, con un centro storico animato da artisti d’arte contemporanea di chiara fama, percorsi enogastronomici ed eventi collaterali ormai consolidati. I custodi dei saperi e delle tradizioni, gli artigiani locali e ancora oggi memorie storiche di Chiaramonte, sono stati individuati dal progetto e hanno incontrato gli artisti ospitati in residenza. A partire da lunedì 27 luglio, fino a giovedì 30 luglio, infatti, vivranno a stretto contatto con gli artisti attivando insieme un percorso di ricerca, condividendo il proprio vissuto, offrendo ispirazioni e nuova linfa grazie alle interferenze emotive che scaturiscono dall'incontro con l'altro, creando una visione condivisa del reale, verso la sperimentazione di nuovi linguaggi. Sono nove i “custodi” che “ALTER” farà incontrare con gli artisti partecipanti attivando un inedito confronto durante i giorni di residenza. Il primo è Giovanni Bertucci. Si definisce un custode della memoria. Dopo anni di raccolta di materiali fotografici-documentaristi di vario genere che riguardano il territorio di Chiaramonte Gulfi, affronta un ambizioso progetto editoriale con la pubblicazione di una rivista, Senzatempo, che raccoglie il frutto del suo lavoro di ricerca e vuole essere un omaggio alla cittadina e alla “piazza”, intesa come luogo di aggregazione. Il secondo custode è Iano Catania, maestro artigiano del legno e dell’intaglio, autodidatta, dalla personalità affascinante, ricca di sfaccettature e molteplici interessi, dalla letteratura allo studio della storia dell’arte. E’ la coppia di fratelli Vincenzo e Giuseppe Cupperi, il terzo custode scelto da “ALTER”. Sono entrambi fotografi professionisti che operano a Chiaramonte e sul territorio, che hanno seguito le orme del padre, del quale conservano con rispetto e cura l’archivio fotografico, delle pellicole e dei macchinari, e che tramandano il gusto e l’equilibrio nella composizione che lo contraddistingueva, soprattutto nella produzione di ritratti degli anni 50 e 60. Il quarto custode è Giuseppe Cultrera, docente di lettere, esperto di storia e archeologia e curatore appassionato di numerose pubblicazioni d’arte, letteratura e cultura popolare, relative alla Sicilia e specialmente all’area iblea. Si è occupato con personale senso critico e capacità di lettura trasversale degli eventi di consulenza editoriale, organizzazione di convegni di studi e mostre tematiche, mettendo a disposizione della collettività le sue conoscenze in maniera diretta, stimolando la riflessione sul rapporto tra passato e presente e sulla sua evoluzione, sia da un punto di vista sociale, storico e paesaggistico. E’ una donna il quinto custode: si tratta di Pina Gona, esperta ricamatrice e conoscitrice delle più importanti tecniche della tradizione siciliana, dal chiacchierino allo sfilato siciliano. Si è occupata per anni della realizzazione di capi da corredo e decorazione applicata all’abbigliamento. Il sesto custode è Emanuele Gulino, collezionista di fama nazionale. Ha rivolto la sua attenzione, i suoi studi e le sue ricerche alle vicende che hanno interessato la storia militare italiana degli ultimi due secoli, collezionando oltre mille reperti - gran parte dei quali confluiti nell’attuale Museo dei Cimeli Storico-Militari di Chiaramonte Gulfi – e che abbracciano momenti tragici ed eroici nelle trincee o sui campi di battaglia italiani, africani, greci e russi. Un'altra coppia chiaramontana offre i saperi del settimo custode: sono Mario Scollo e Giovanna Milio. Mario è un sarto per uomo che ha operato nel territorio in un arco di tempo ampio e che ha visto la sua massima espansione negli anni 60-70, in un momento in cui l’abito su misura, realizzato per occasioni ed eventi fondamentali della vita, era ancora espressione di una concezione personalizzata del vestire, lontana dall’attuale produzione standardizzata di massa, in sintonia con la moglie, esperta ricamatrice e suo braccio destro, in un percorso creativo che dura da decenni. L’ottavo custode è Totò Azzara, artigiano lattoniere, da un po’ di anni in pensione, continua il suo lavoro in bottega producendo piccoli oggetti decorativi di latta, dalle fogge più svariate e legati alle forme classiche della tradizione - brocche, catini, scaldamani - a quelle di invenzione derivate dal riutilizzo e riciclo di scarti, quali le lattine di alluminio. Infine il nono custode è Salvatore Vullo, panettiere di professione, che ha deciso di aprire un piccolo panificio artigianale a Chiaramonte Gulfi, in seguito ad una serie di importanti esperienze professionali, dall’iscrizione al prestigioso Club di Arte Bianca, il Richemont Club, dove apprende il mestiere, alla collaborazione come relatore e consulente per aziende leader nel settore, in ambito nazionale e presso importanti fiere. Attualmente, oltre alla pratica quotidiana della panificazione, secondo le forme tradizionali, si occupa di scrittura su riviste e spera di potere pubblicare un libro che raccolga il frutto delle sue esperienze a contatto con la farina e il mondo della panificazione. Ognuno dei nove custodi offrirà un sapere e la propria esperienza agli artisti con cui entreranno in contatto.. La fruizione dei luoghi sarà resa possibile attraverso l’ausilio di una mappa che raccoglie tutte le informazioni utili, delineando un percorso di visita multidisciplinare e multisensoriale. All’interno dell'ALTER MAP è segnalata la rete museale completa della città e tutti gli spazi dedicati al progetto: i luoghi in cui sono allestite le opere e le installazioni site specific e le botteghe dei custodi. Il progetto ALTER – Volti di luce e terra nasce dalla virtuosa collaborazione tra il Comune della città di Chiaramonte Gulfi con la realtà indipendente SITE SPECIFIC di Scicli (Rg) e il gruppo S.E.M. Spazi Espressivi Monumentali di Scicli (Rg).

COLLATERALTER
Nel corso dei tre giorni in concomitanza col progetto ALTER, la città sarà animata da altri eventi collaterali:
31 luglio 2015 - ore 21:30, centro storico - RATAPUN - Arti espressive, teatro di strada e musica.
31 luglio 2015 - ore 21:15 - PASSEGGIATE SOTTO LE STELLE- Passeggiate nel centro storico alla scoperta della storia della città a cura del Prof. Giuseppe Cultrera.
1 agosto 2015 - ore 20:30, Villa Comunale - 7° CONCORSO NAZIONALE DI POESIA "Chiaramonte Gulfi - Città dei Musei".

Irene Savasta