Attualità Ragusa 01/08/2015 21:04 Notizia letta: 3991 volte

A Ragusa si può parcheggiare anche contro la legge

Mi hanno preso la multa
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-08-2015/1438455881-0-a-ragusa-si-puo-parcheggiare-anche-contro-la-legge.jpg&size=670x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-08-2015/1438456031-1-a-ragusa-si-puo-parcheggiare-anche-contro-la-legge.jpg&size=500x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-08-2015/1438455881-0-a-ragusa-si-puo-parcheggiare-anche-contro-la-legge.jpg&size=670x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-08-2015/1438456031-1-a-ragusa-si-puo-parcheggiare-anche-contro-la-legge.jpg

Ragusa - I vigili urbani mi hanno elevato una multa. Ho pagato. Perché ero in torto (ed anche molto sfortunato). Avevo parcheggiato la mia Lamborghini Aventador verde acido all’angolo tra la via Solferino e la via Mariannina Schininà. Dopo pochi minuti – e proprio a quell’incrocio – due auto si scontrano perché uno dei due automobilisti non ha rispettato la precedenza. Danni seri alle vetture e per fortuna solo spavento per gli occupanti i mezzi (nota: da come scrivo si capisce che ho alle spalle decenni di gavetta “cronachistica”).
Ma quell’incidente ha giustamente richiamato l’attenzione dei Vigili Urbani che hanno rilevato il sinistro (vedi nota precedente) e poi, già che c’erano, hanno multato le quattro macchine parcheggiate dove le due strade si incrociano. Ed hanno fatto bene, perché le quattro automobili erano parcheggiate a meno di cinque metri dall’incrocio. E cinque metri è il limite fissato per legge per tutelare la sicurezza dei mezzi, di chi li conduce e dei pedoni.
Peccato che tra quelle quattro automobili ci fosse anche la mia. Sfortuna, ma anche imprudenza oltre che mancato rispetto delle regole. Non fiato e pago la multa. Non mi crederete, ma mi sono sentito bene (quasi) per avere fatto il mio dovere di cittadino che, in maniera esemplare, ha commesso un errore e paga per riparare.
Quindi decido di parcheggiare altrove, non distante, utilizzando questa volta le strisce blu che il Comune di Ragusa già da anni ha imposto in molte strade del centro storico. Si paga mezzo euro e si può rimanere parcheggiati per il tempo sufficiente e con la certezza di rispettare le regole.
E però quando torno per mettere in moto la mia dodici cilindri, mi accorgo di un fatto strano. Decido di verificare. È successo infatti che, “ad occhio”, quella striscia blu che profila il parcheggio dove avevo lasciato – a rigore di legge – la macchina costruita a Sant’Agata Bolognese, mi sembrava a meno di cinque metri. Impossibile, mi sono detto. E quindi decido di misurare. Non avendo metro ho utilizzato il vecchio metodo del passo: siccome il passo di chi come me è alto circa un metro e settantacinque centimetri corrisponde a circa 80 centimetri, per essere ad almeno cinque metri dall’incrocio la striscia blu deve cominciare quando io ho compiuto il mio sesto passo (sei per otto quarantotto, quindi vicino ai cinque metri).
E invece, provare per credere, la striscia blu si trova a meno di un metro dall’incrocio tra il Corso Italia e la via Fratelli Belleo. Se non vi fidate della mia fotografia, che pure reputo chiarissima, potete andare a verificare di persona. E se non vi dovesse bastare, segnalo che la stessa distanza è quella delle strisce blu all’incrocio tra la via Archimede e la via Sacerdote Licitra.
Forse al Comune dovrebbero comprare dei metri funzionanti, che costano molto meno della multa fatta alla mia Lamborghini e infinitamente meno di quanto incassa in un solo giorno la colonnina per il pagamento della “sosta nelle strisce blu”.

Saro Distefano