Economia Chiaramonte Gulfi 03/08/2015 14:53 Notizia letta: 4670 volte

Noi facciamo i dolci. E pure buoni

Storia di Giovanni Miciluzzo e Maria Pizzo
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-08-2015/noi-facciamo-i-dolci-e-pure-buoni-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-08-2015/1438607187-1-noi-facciamo-i-dolci-e-pure-buoni.jpg&size=498x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-08-2015/1438607187-2-noi-facciamo-i-dolci-e-pure-buoni.jpg&size=513x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-08-2015/1438607187-3-noi-facciamo-i-dolci-e-pure-buoni.jpg&size=391x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-08-2015/noi-facciamo-i-dolci-e-pure-buoni-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-08-2015/1438607187-1-noi-facciamo-i-dolci-e-pure-buoni.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-08-2015/1438607187-2-noi-facciamo-i-dolci-e-pure-buoni.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-08-2015/1438607187-3-noi-facciamo-i-dolci-e-pure-buoni.jpg

Chiaramonte Gulfi - Un vero e proprio laboratorio artigianale di dolci al cucchiaio nel cuore delle campagne chiaramontane, precisamente in contrada Zammara. E non chiamatela azienda. Dal Parfait di mandorla come tradizione comanda, fino ad arrivare alle più recenti mousse ripiene: scelta maniacale dei prodotti e utilizzo di un procedimento di realizzazione “come facevano le nostre nonne“. Sono questi gli ingredienti principali di “Sfizi & Delizie” , un laboratorio a conduzione familiare che Giovanni Miciluzzo e la moglie Maria Pizzo gestiscono con grande dedizione. Pensato per servire un pubblico di nicchia, questo laboratorio produce oggi 15 dolci diversi che vanno dal parfait di mandorla come tradizione comanda, fino alle mousse ripiene. Ma qual è il segreto di questo laboratorio? Perché assaggiando questi dolci non si ha la sensazione di mangiare qualcosa di “già assaporato?”. A spiegarcelo è proprio Giovanni Miciluzzo, ideatore e ispiratore di questo progetto.

Com’è nata questa esperienza?
“Dunque, fino a qualche anno fa io facevo tutt’altro di mestiere, ma ho sempre coltivato una grandissima passione per la cucina. Inoltre, mi piace moltissimo mettermi in gioco e fare sempre cose nuove. Posso dire che questa avventura è figlia di una passione. Mi piace e basta, credo che sia questo l’ingrediente basilare. Non so se saremo coronati dal successo, ma per me non è importate il dato economico. Almeno, non è quello l’essenziale. Le gratifiche economiche, in una prima fase, non possono essere veritiere al 100%. Io ho scelto di fare nicchia per questo produciamo prodotti artigianali a tiratura limitata”.

Ma che cos’è l’artigianalità?
“Oggi è difficile spiegarlo perché spesso, dietro ad un logo fortunato, si nasconde un’industria. Non basta semplicemente una foto che richiami la tradizione contadina. In realtà l’artigianalità vera è una cosa molto rara. Anche in pasticceria. Domandatevi: perché spesso tutto ha lo stesso sapore? Anche la crema pasticcera, infatti, viene spesso preparata usando i composti. Allora, dove sta l’artigianalità in questo? Io, personalmente, ho deciso di impegnarmi per creare dei dolci che riproducevano fedelmente le antiche ricette, in modo da dare l’impressione di preparare qualcosa come quando si sta a casa a ricevere degli amici”.

In che cosa consiste esattamente questo progetto?
“Utilizzare prodotti veri. Faccio un esempio: la nostra mousse d’arancia è prodotto con le arance che facciamo pervenire da Francofonte. E le affettiamo noi. Il nostro Nerofondente, ad esempio, è fatto con cacao purissimo proveniente dal Madagascar. Il ripieno è a base di marmellata di arancia prodotta da noi con l’aggiunta di un goccio di miele. Il concetto è questo: le nostre materie prime non contemplano basi industriali. E’ questo il segreto di un sapore completamente diverso rispetto ad altri prodotti. In mercato lo apprezza parecchio perché oggi esiste una grande voglia di prodotti particolari. I ristoranti che acquistano il nostro prodotto non vogliono distinguersi per il prezzo, ma per il sapore. Anche il procedimento è quello tradizionale. Magari è più lungo ma lo facciamo proprio per mantenere la sofficità di certi prodotti e per non alterare il sapore. Preferisco fare più step ma essere certo del risultato finale”.

In quali posti distribuite?
“Oltre a tutta la Sicilia, siamo presenti a Lisbona, Parigi, Ginevra. I nostri distributori devono far assaggiare il prodotto ai ristoratori. Sono loro che poi scelgono dopo aver degustato. Il nostro, dunque, è un laboratorio artigianale al servizio della ristorazione. Diamo loro un prodotto nudo e poi loro possono decidere di decorarlo come preferiscono, dando un tocco di personalità. Inoltre, li consegniamo ad una temperatura di stoccaggio di -18 gradi per far si che il ristoratore non perda tempo, basta solo che li decori. Possono tranquillamente passare per dolci della casa. A me non dispiace”.

Qual è il dolce, fra i 15 che proponete, al momento più apprezzato?
“Il parfait di mandorle. E’ un dolce che ormai fa parte della tradizione siciliana e fuori dalla nostra Isola ha la strada spianata. Ma ultimamente le nostre mousse cioccolato e cuore di arancia e mousse cioccolato e cuore di pistacchio stanno avendo molto successo”.

Irene Savasta