Appuntamenti Chiaramonte Gulfi 07/08/2015 11:47 Notizia letta: 3390 volte

Il gran galà di Ferragosto

I menù
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-08-2015/il-gran-gala-di-ferragosto-500.jpg

Chiaramonte Gulfi - Sono state presentate ieri in conferenza stampa tutte le novità relative alla 64esima edizione del Gran Galà di Ferragosto che si svolgerà presso i giardini comunali di Chiaramonte Gulfi. Novità, si diceva, ma anche continuità con la tradizione. E se è vero che negli ultimi anni la manifestazione ha avuto più bassi che alti, quest’anno ci provano le cooperative FO.CO., Fe.AR.T. e Nostra Signora di Gulfi a rinnovare la formula. Ma, grazie anche ad alcuni supporti esterni, la manifestazione vuole riproporre alcuni momenti tipici degli anni ’50 e ’60, quando il Gran Galà ha avuto il momento di massimo splendore ed era veramente un evento irrinunciabile per l’intera provincia.

LE NOVITA’. I MENU’
Ad occuparsi del lato culinario, il team leader ha deciso di affidarsi alla restaurant manager Roberta Giulia Mezzasalma. Stamani, spiega: “Ho accettato con molto piacere l’invito. Il catering sarà curato dallo staff di Villa Davide a cui mi sono affidata in quanto il mio ristorante, durante il mese di agosto, è chiuso. Loro hanno accettato molto volentieri la sfida”. Ma come si articolerà il menù? Mezzasalma, spiega: “Abbiamo subito pensato di non riproporre cose già viste e riviste per questo, considerando la serata e il periodo di forte caldo, proporremo un menù completamente freddo, dall’antipasto al dolce. Ma attenzione: sarà una cena completa e non sarà la solita insalata di riso o di pasta. Saranno piatti raffinati e vi daremo anche un’idea per una serata calda estiva”.

IL PROGETTO
Angela Dipasquale, membro del team leader del progetto “valorizzi-amo la città”, avviato grazie ai fondi che provengono dal Ministero per le politiche giovanili, spiega nel dettaglio il significato di questa edizione: “Valorizzi-amo è un progetto di cui fanno parte 50 giovani dai 14 ai 35 anni. La squadra per il Gran Galà è composta da 10 giovani chiaramontani. Per noi, questo evento vuole essere una ventata d’innovazione e freschezza senza scompaginare la tradizione. E’ è stata l’occasione giusta per riscoprire il Gran Galà e cercare di coinvolgere, in questo modo, persone di diverse fasce d’età. L’intrattenimento musicale sarà curato da due gruppi: i Funkylab e gli Strike”.

LA TRADIZIONE
Elena Restuccia, invece, pur essendo esterna al team leader si è occupata di fare delle ricerche storiche per valorizzare la tradizione. Restuccia, infatti, dichiara: “La serata sarà un ritorno all’eleganza degli anni ’50 e ’60. Un ritorno alla magia di quel periodo. Nelle intenzioni dei giovani di allora, infatti, il Gran Galà doveva portare a Chiaramonte le serate di Taormina o di Messina. Sono passati dai nostri giardini nomi illustri e il momento clou era proprio l’elezione di “Miss estate Chiaramonte”. Noi non faremo un concorso ma una giuria silenziosa eleggerà la donna più elegante della serata che riceverà in premio un collier a forma di fiore messo a disposizione dall’orafo chiaramontano Marco Gurrieri”. Inoltre, durante la serata verranno proposte pillole di memoria storica curate dal musicista e attore Giacomo Schembari.
Il sindaco Vito Fornaro, durante il suo intervento, ha dichiarato: “Il progetto Valoizzi-amo” è finanziato per due anni dal Ministero per le politiche giovanili. Questo è il primo evento che organizziamo con questa formula ed è una di quelle serate che ha caratterizzato la città. Le cooperative potranno dare una visione diversa a tutto l’evento”. Per quanto riguarda i prezzi, essendo un evento a pagamento il Comune ha dato contributo un relativamente modesto di 3 mila euro. L’ingresso al ballo è di 20 euro a testa (gratis per i bambini fino a 12 anni), mentre 60 euro è il biglietto comprensivo di cena. I ragazzi fino a 18 anni pagano l’ingresso 10 euro ed è stato pensato anche un menù per bambini al costo di 10 euro (fino a 12 anni).

Irene Savasta