Cronaca Comiso 07/08/2015 11:52 Notizia letta: 3541 volte

Va da una prostituta, lei lo butta fuori, e lui simula una rapina

Per vergogna
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-08-2015/va-da-una-prostituta-lei-lo-butta-fuori-e-lui-simula-una-rapina-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-08-2015/1438941520-1-va-da-una-prostituta-lei-lo-butta-fuori-e-lui-simula-una-rapina.jpg&size=753x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-08-2015/va-da-una-prostituta-lei-lo-butta-fuori-e-lui-simula-una-rapina-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-08-2015/1438941520-1-va-da-una-prostituta-lei-lo-butta-fuori-e-lui-simula-una-rapina.jpg

Comiso - Un rapporto sessuale finito male con una prostituta conosciuta su un sito d’incontri, lei lo butta fuori di casa e lui simula una rapina per vergogna. E’ questa la paradossale vicenda iniziata ieri alle 12:45, quando il personale del 118 ha inviato una segnalazione alla Polizia di Stato dicendo che vi era un uomo accoltellato in via Umberto, angolo via Generale Amato. Sul posto, informazioni confuse: G.G., classe 1971 di Acate ha raccontato agli agenti che, mentre si trovava in giro per negozi alla ricerca di un paio di occhiali, in via Amato due persone con il casco a bordo di una Ducati di colore rosso, lo avevano raggiunto di spalle puntandogli un coltello alla nuca e l’avevano rapinato di circa 100 euro. Una volta accompagnato in ospedale, però, l’uomo è stato ancora una volta ascoltato: G.G., insomma, rimaneva fedele alla sua versione, cambiando però la descrizione della moto: da Ducati era diventata enduro. Sul luogo della presunta rapina, gli agenti hanno anche ritrovato un coltello con il manico di plastica, il classico coltello da cucina. L’uomo, però, sanguinava da una ferita alla nuca e quindi è stato sottoposto ai controlli ospedalieri. Una volta dimesso, G.G. è stato condotto in Commissariato per fornire una esatta ricostruzione dei fatti, non prima però di andare a recuperare l’auto con la quale aveva dichiarato di essere arrivato a Comiso. E in effetti, la Fiat Panda si trovava in una strada limitrofa a via Amato. Una volta perquisita, è stato ritrovato anche il portafogli. I buchi, a questo punto, diventano troppi e l’uomo è stato riaccompagnato in Commissariato dove, insieme agli agenti della Squadra Mobile, è stato ascoltato. La storia era tutt’altra. L’uomo aveva contattato una donna tramite un sito d’incontri e aveva raggiunto la sua abitazione per avere un rapporto sessuale con lei. Purtroppo, però, sembra che i due non si fossero messi d’accordo sulla cifra (40 o 50 euro) e la donna aveva iniziato una colluttazione e l’aveva buttato fuori di casa, tentando di colpirlo con il coltello da cucina trovato poi in strada. In effetti G.G. ha ricevuto un colpo alla nuca che l’ha fatto sanguinare ma per vergogna aveva inventato ai poliziotti la storia della rapina. Per tutto risposta, G.G. è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per simulazione di falso, false attestazioni e dichiarazioni a Pubblico Ufficiale. Adesso, sono in corso altre indagini per individuare chi è la donna.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg