Attualità Ragusa 15/08/2015 21:03 Notizia letta: 1736 volte

La Madonna ha preso il mare

Processione in barca
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-08-2015/1439665447-0-la-madonna-ha-preso-il-mare.jpg&size=760x500c0

Ragusa - Fede e devozione. Oltre al fervore religioso. Sono gli elementi che non mancano mai in occasione della festa solenne più attesa dell’anno a Marina di Ragusa. Una festa che è tornata a riproporsi, quest’oggi, nel segno della tradizione. Da metà pomeriggio e sino a tarda sera, con la processione in occasione delle celebrazioni in onore della Madonna di Portosalvo, a migliaia i fedeli che hanno seguito, lungo la riva, il tragitto del simulacro dalla Chiesa al porto turistico con il consueto e sempre suggestivo imbarco. Il tutto facilitato da condizioni meteomarine pressoché perfette. Il comitato dei festeggiamenti ha fatto sì che il simulacro imbarcato al porto, seguito da una miriade di natanti piccoli e grandi, potesse seguire il percorso della processione a mare nella migliore maniera. Grande partecipazione lungo l’intero tratto di costa, dallo specchio di mare antistante il lungomare Andrea Doria e Bisani sino al villaggio Santa Barbara e Punta di Mola. Il modo migliore per i fedeli di Marina di Ragusa e del capoluogo ibleo, oltre ai numerosissimi turisti provenienti da ogni dove, di rendere omaggio alla Madonna. La processione a mare, che ha visto la presenza del parroco don Mauro Nicosia oltre che di altri sacerdoti (tra cui don Chrysanthe Mukawa), con le autorità civili (c’erano, tra gli altri, il sindaco, Federico Piccitto, con alcuni componenti della Giunta municipale, il deputato regionale Nello Dipasquale oltre ad alcuni consiglieri comunali) e militari, si è tenuta rispettando l’itinerario previsto lungo la costa per far sì che la Madonna proveniente dal mare potesse benedire i propri “figli” in trepida attesa sulle spiagge del litorale. La processione è stata accompagnata dal corpo bandistico “Kasmeneo” di Comiso. A garantire l’ordine pubblico c’erano i carabinieri della locale Stazione, la polizia di Stato e gli agenti della polizia locale. Subito dopo l’imbarco, il parroco, don Mauro Nicosia, ha letto la benedizione al mare. 

Redazione