Appuntamenti Chiaramonte Gulfi 22/08/2015 12:50 Notizia letta: 3001 volte

Il contrasto di Adriana Iacono in mostra

Fino al 31 agosto
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-08-2015/1440240683-0-il-contrasto-di-adriana-iacono-in-mostra.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-08-2015/1440241379-1-il-contrasto-di-adriana-iacono-in-mostra.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-08-2015/1440240683-0-il-contrasto-di-adriana-iacono-in-mostra.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-08-2015/1440241379-1-il-contrasto-di-adriana-iacono-in-mostra.jpg

Chiaramonte Gulfi - “Contrasto” è il nome della prima mostra personale dell’artista italo-americana Adriana Iacono, ed è stata inaugurata ieri sera a Chiaramonte nei locali di Palazzo Montesano. Visitabile fino al 31 agosto, la personale della Iacono è un omaggio alle città a cui è maggiormente legata: New York, sua città natale, essendo nata a Brooklin dove ha frequentato la School of visual Art e dove ha svolto la professione d’insegnante d’arte e Chiaramonte, luogo d’origine dei genitori e città in cui attualmente vive. Da qui il titolo della mostra: nelle sue opere, infatti, l’artista cerca di mettere in evidenza non tanto le ovvie e scontate differenze che possano esserci fra un paesino della Sicilia e la grande metropoli americana, piuttosto creare un legame nato dal contrasto fra due realtà che, apparentemente, non hanno nulla in comune. Eppure, la Iacono riesce in qualche modo nel suo intento, in maniera quasi spericolata e onirica ma interessante: ed ecco, allora, le serie di “Traffic”: da un lato quello di New York City e dall’altro il “Traffic 2” intitolato “Pecore”, oppure l’interessante “I see you”, venduta quasi voyeuristica di ragazzi che giocano a San Vito, anche questo collegato con un omonimo ambiente newyorkese, accostabile, tra l’altro, anche ad “handball”. Oppure il particolare “Hello”, incontro alla villa comunale di Chiaramonte fra due sconosciuti. Non mancano, naturalmente, i riferimenti puri alla vita Newyorkese, come “Afternoon crime scene” a SoHo, o “Beautiful rats” a Bryant Park. Quello che colpisce nella personale di Adriana Iacono, oltre ai soggetti interessanti perché comunque riflettono il punto di vista di una straniera (quasi), è soprattutto l’ossessione per i dettagli, curati al limite della maniacalità e l’importanza che l’artista dà alle ombre più che alla luce nei suoi dipinti. L’artista predilige gli acquerelli, colori ad olio, incontro, carboncino e matita, anche se i dipinti esposti a Palazzo Montesano sono tutti a base d’olio. Ha introdotto la serata Carmelisa Paravizzini. Presente anche il sindaco Vito Fornaro. Adriana Iacono, nell’adorabile accento tipico delle persone di madrelingua inglese che sembrano quasi masticare le parole in bocca, dichiara: “Sono orgogliosa di avere stasera qui con me amici e parenti. Come dico sempre, nel bene o nel male l’importante è parlarne. Sarò felice di ricevere sia critiche positive, sia critiche negative”.

Irene Savasta